Festa dell’Emigrante, Povia entusiasma la piazza di Rogliano. Successo per la kermesse del cantautore milanese

SARA’ ricordato come uno degli appuntamenti più interessanti dell’estate roglianese. Un mix di musica, slogan e divertimento in grado di coinvolgere, per oltre due ore, giovani e meno giovani. In migliaia, infatti, hanno partecipato al concerto di Povia (nella foto) che si è tenuto venerdì scorso nell’ambito dell’edizione 2014 della Festa dell’Emigrante, nell’area ‘Piccadilly’ del quartiere Spani-Patinelli. Il cantautore si è esibito davanti ad una vasta platea di gente proveniente dalle Comunità del Savuto e dal resto della provincia, proponendo pezzi vecchie e nuovi del suo repertorio artistico: dalla famosa ‘Quando i bambini fanno oh’ alla fortunata ‘Vorrei avere il becco’ passando per la tanto discussa ma bella ‘Luca era gay’ che ha entusiasmato i teenagers. “E’ stata una magnifica serata – ha detto Armando Iannelli, componente dell’associazione che ha curato il programma. Il nostro è un progetto che, grazie alla sensibilità del presidente Masino Cozza, punta al coinvolgimento del territorio anche a livello istituzionale. L’obiettivo è la realizzazione di una manifestazione, non solo ludica, in grado di rendere merito al lavoro degli italiani nel mondo e di evidenziare, sul piano sociale e culturale, il valore dell’emigrazione. Quella di ieri e quella di oggi”. Oltre allo spettacolo di Povia il cartellone di quest’anno ha previsto, ricordiamo, un ‘live’ di musica Anni Settanta e Ottanta (6 agosto), un omaggio a Rino Gaetano con l’esibizione della cover nazionale (7 agosto), e lo spettacolo del Sabatum Quartet (9 agosto). Di corredo, tornei di briscola, lotterie, degustazione di prodotti tipici locali e una mostra d’arte del poeta e pittore Pierino Gabriele, scomparso due anni fa. Da segnalare, inoltre, la gara di pesca sportiva sul laghetto ‘Colabrice’ dedicata al compianto Lugi Gabriele. La competizione è stata vinta da Danilo Buffone, Domenico Pucci e Claudio Coccari. Riconoscimenti per un gruppo di roglianesi che hanno lasciato il paese per motivi professionali sono stati consegnati infine a Guido e Luigi Altomare, Giuseppe Crispino, Michele Conforti, Santo Cozza, Pasquale Dodaro, Ottavio Filice, Egidio, Michele e Pierino Gabriele, Carmelo Gabrieli, Isidoro Magnolia, Rodolfo Reda, Tonino Renzelli, Antonio Rizzo, Riccardo Tucci e Saverio Turco. La festa nel rione Spani-Patinelli si è conclusa con ‘Empire of The Sound’ che ha avuto come protagonisti i Dj Paolo Scebba e Toni Procediamo.

Gaspare Stumpo

Data: 15 agosto 2014.

Fonte: ‘Cronache del Garantista’ Calabria.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com