Rosa Consalvo ha vinto il Primo Simposio di Scultura all’Aperto ‘Città di Rogliano’. A dicembre l’inaugurazione del M.I.S.A.R.

Con l’opera ‘A Diana’ (nella foto) l’artista pugliese Rosa Consalvo ha vinto il Primo Simposio di Scultura all’Aperto ‘Città di Rogliano’ che si è tenuto, ricordiamo, dal 18 al 24 agosto 2014. La Commissione di esperti ha premiato anche i calabresi Enzo Conforti (2° posto con ‘La vite’) e Nicola Di Domenico (3° posto con ‘Allo specchio’). Soddisfazione è stata espressa dal responsabile dell’associazione ‘Giuseppe Montoro’ – architetto Amedeo Lico, che ha parlato di “risultato importante” in funzione del M.I.S.A.R., il Museo Internazionale di Scultura all’Aperto che verrà istituito nel centro storico della Città del Savuto a partire dal prossimo mese di dicembre. Sessanta opere in cinque anni eseguite e rese fruibili sulla base di un progetto museografico che avrà come art director lo stesso Amedeo Lico. Promosso assieme al Comune e in collaborazione con il Gruppo di Azione Locale, il concorso della ‘Montoro’ si è arricchito della presenza di dodici fra artisti ed artigiani. Nove uomini e tre donne che in sette giorni, lungo Corso Umberto, hanno realizzato opere in legno, pietra e ferro battuto. Una bella manifestazione dedicata alle antiche maestranze roglianesi che ha trovato il consenso degli appassionati d’arte ma anche della popolazione e dei turisti. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio di Ministero dell’Istruzione, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Calabria, Accademia delle Arti di Catanzaro, Ordine degli Architetti e Club Unesco Cosenza. Un avvenimento di prestigio per la valorizzazione degli spazi urbani, la tutela e la promozione della Memoria come fonte di bellezza e ricchezza per la Comunità. Al Primo Simposio di Scultura all’Aperto hanno partecipato Nicola Bevacqua (Albi, Catanzaro), Enzo Conforti (Rogliano, Cosenza), Michela Consalvo (Capurso, Bari), Rosa Consalvo (Casamassima, Bari), Nicola Di Domenico (Scigliano, Cosenza), Amatore Ditullio (Noicattaro, Bari), Gabriele Ferrari (Altilia, Cosenza), Ferdinando Gatto (Rogliano, Cosenza), Simona Massara (Lamezia Terme, Catanzaro), Giuseppe Miniaci (Malito, Cosenza), Salvatore Stranieri (Girifalco, Catanzaro) e Pierfrancesco Zinelli (Roma). Tutti hanno ricevuto il plauso di organizzatori, tecnici e rappresentanti delle istituzioni per le capacità espresse nel corso della lavorazione. Nelle prossime settimane e in vista della creazione del M.I.S.A.R. l’associazione ‘Giuseppe Montoro’ di concerto con il Comune avvierà un corso di formazione per la manutenzione di opere pubbliche e private di valore storico-artistico ed etnoantropologico. Unico “neo” lo sfregio, avvenuto nottetempo per mano di ignoti, alla scultura ‘La Benda’ di Amatore Ditullio. Sull’episodio indagano i Carabinieri di Rogliano.

Gaspare Stumpo

Data: 06 settembre 2014.

Fonte: ‘Cronache del Garantista. Calabria’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com