Saverio Domanico: “per le regionali l’indicazione del candidato PD del Savuto dovrà passare per le primarie”

L’APPROSSIMARSI del periodo elettorale ha riacceso la discussione sulle designazioni di lista in vista del rinnovo del Consiglio regionale della Calabria. Le indiscrezioni sui nomi non mancano e riguardano anche sindaci ed amministratori locali. Nel Partito Democratico il dilemma è rappresentato dalla scelta relativa alle ‘correnti’ interne. Una situazione delineata nelle sue motivazioni ideologiche ma non molto chiara, ancora, nelle scelte di campo. Callipo, Oliverio o altri? C’è chi vorrebbe un cambiamento radicale di uomini e programmi chi, invece, intende puntare sull’esperienza e, soprattutto, sulla rete di alleanze storiche. Per tutti, però, la parola d’ordine è “tornare alla guida dell’Astronave”. Un compito non facile che presuppone una risposta positiva dell’elettorato in un momento di forte risentimento nei confronti della politica. Un malessere che nel Savuto è acuito dalla profonda crisi socio-economica che più in generale interessa il Paese. Sull’argomento è intervenuto Saverio Domanico (nella foto), esponente ‘renziano’ del circolo roglianese del PD. In questi giorni, ricordiamo, il Partito Democratico è impegnato in una serie di incontri incentrati sul rapporto con l’Amministrazione comunale e sulle questioni che riguardano il territorio. Una serie di appuntamenti durante i quali non è mancato l’accenno alle candidature per le regionali 2014. Candidature che a giudizio dell’interessato “dovranno passare per le primarie”. Per Domanico infatti “i nomi dei candidati PD rappresentativi della Valle del Savuto dovranno essere scelti dai cittadini e non calati dall’alto”. “Purtroppo – ha aggiunto – il nostro appare ancora come un partito chiuso nel palazzo, concentrato sulla tornata elettorale e non sui problemi che attanagliano la Comunità”. Saverio Domanico non ha nascosto timori per quanto riguarda i servizi primari, Sanità e Trasporti in particolare. “A breve – ha detto – il servizio Amaco raggiungerà Piano Lago e nell’ottica di una migliore sinergia con l’Area Urbana nessuno è riuscito a promuovere iniziative per favorire il collegamento da Rogliano con l’Università della Calabria. E’ auspicabile trovare una figura che dia certezza di impegni concreti, affinché il Savuto possa vivere una stagione nuova”.

Gaspare Stumpo

Data: 23 settembre 2014.

Fonte: ‘Cronache del Garantista. Calabria’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com