Rogliano, presentato l’ultimo libro del professor Leonardo Falbo. La microstoria si arricchisce di nuovi interessanti elementi

E’ STATO presentato con un convegno promosso dall’Amministrazione comunale alla presenza di rappresentanti delle istituzioni, intellettuali ed appassionati di storia. L’ultimo libro del professor Leonardo Falbo è incentrato sulla figura di Michele De Gattis, religioso nato a Rogliano il 19 settembre 1787 e morto a Spinazzola il 23 aprile 1847. “Una meravigliosa sintesi – ha spiegato don Enzo Gabrieli – di quello che è stato l’uomo, il sacerdote, il vescovo e della sua opera nelle comunità in cui ha svolto il ministero pastorale”. Oltre al direttore di Parola di Vita, alla iniziativa (nella foto) hanno partecipato il sindaco Giuseppe Gallo, l’assessore comunale alla Cultura, Antonio Simarco, e il professor Luigi Intrieri. “In questo studio – ha evidenziato il direttore dell’Archivio Diocesano – l’autore ha messo a disposizione vari documenti originali. Questo fatto è importante, non solo perché documenta le notizie riportate nel testo, ma anche e soprattutto perché stimola e favorisce la riflessione del lettore”. Michele De Gattis Rublanensis Episcopus (Comet Editor Press) ricostruisce la vita e l’opera del religioso nel contesto roglianese fino al 1837 anno in cui fu consacrato vescovo e destinato alla sede di Venosa, in provincia di Potenza. Michele De Gattis è stato un uomo probo ed operoso, una figura di grande rilievo sociale quasi sconosciuta al territorio. Il volume a lui dedicato nasce da una approfondita ricerca documentale ed aggiunge un nuovo tassello alla microstoria. “Leonardo Falbo – ha ricordato il sindaco Gallo – è una delle espressioni più qualificate della mondo della cultura roglianese e cosentina. A lui va il merito di aver ricostruito, in maniera egregia, un pezzo afferente al passato della nostra Comunità che altrimenti non avremmo avuto modo di conoscere”. “Gli elementi biografici del testo – ha spiegato infine l’autore – non solo sono rigorosamente documentati, ma s’intrecciano con momenti e aspetti di natura sociale, civile e culturale per delineare un quadro più complessivo di una Comunità locale in un determinato periodo della sua esistenza, della sua storia”. Il convegno di presentazione del testo di Falbo, che si è tenuto presso il museo cittadino di arte sacra, ha previsto una interessante lettura di antichi componimenti a cura di Matteo Falbo e Daniel Cundari.

Gaspare Stumpo

Data: 29 settembre 2014.

Fonte: ‘Parola di Vita’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com