Fuscaldo. Stazione Solidale, nuovo laboratorio di trasformazione agroalimentare della coop ‘Il Segno’

Soddisfazione! È questa la parola che più rievoca il ricordo della bella giornata passata alla stazione ferroviaria di Fuscaldo, dove i locali sono ritornati a vivere e ad attrarre persone, grazie all’apertura del nuovo laboratorio di trasformazione agroalimentare e dello spazio vendita solidale della Cooperativa “Il Segno”. Molte le settimane passate a lavorare per ridare dignità e decoro ad un ambiente che spesso era associato a situazioni e contesti degradanti. Il tempo trascorso fra la polvere ha lasciato adesso il posto ai colori ed al brio di chi anima nuovamente la stazione fuscaldese. Il 2 ottobre 2014 sarà una data da ricordare per tutti quelli che hann ancora echeggianti nei cuori e nello spirito di chi pensa che la costruzione di un altro è possibile solo se si parte dal basso. Il messaggio che la Cooperativa “Il Segno” ha voluto lanciare insieme alle tante associazioni, istituzioni e personalità presenti è stato accolto dalle scuole secondarie di Fuscaldo e dagli studenti presenti dell’Istituto Tecnico Industriale “Fermi” di Fuscaldo, nonché degli allievi dell’IPSSAR di Paola. Questi ultimi hanno preparato ed allestito il buffet utilizzando i prodotti biologici della stessa cooperativa, chiudendo così la prima parte dell’Open day. Nel pomeriggio molte sono state le visite di cittadini, amici, famiglie, giovani provenienti dai comuni limitrofi che, impossibilitati a prendere parte agli appuntamenti della mattinata, hanno però voluto omaggiare la cooperativa con la loro presenza, incoraggiandone l’impegno. La serata ha visto la partecipazione di famiglie, dei grandi e dei più piccoli, che hanno assistito allo spettacolo “Il mondo in scatola”, a cura del Centro RAT/Teatro dell’Acquario. La pièces teatrale ha visto l’interazione tra attrice e pubblico, sul tema della raccolta differenziata, che risulta essere nella nostra realtà, ancora oggi, un annoso problema. Il progetto, che ha coinvolto la città di Fuscaldo, ha consentito la riqualificazione della stazione ferroviaria mediante la realizzazione di un laboratorio di trasformazione dei nostri ortaggi biologici e di uno spazio per la vendita diretta delle nostre conserve e dei prodotti di altre aziende calabresi, di cooperative sociali e del commercio equo e solidale. Una piccola realizzazione che ha avuto, nel riuso e nella valorizzazione dell’esistente, il suo punto di forza. La Calabria è una terra bellissima, avente molte potenzialità che devono essere preservate dall’inquinamento delle coltivazioni intensive. In questo senso, la scelta della data dell’inaugurazione della Stazione Solidale (nella foto), coincidente con la memoria liturgica dei Santi Angeli Custodi, non è casuale. La giornata infatti è iniziata per un nutrito gruppo di soci, volontari ed amici, presso i campi del Segno in Località Lancellara, dove don Emanuele Personeni e don Pier Codazzi hanno celebrato l’Eucarestia. “Dal giardino alla città: è questo il percorso di tutta la scrittura e quindi di tutta la Storia della Salvezza – ha ricordato don Emanuele all’inizio della celebrazione – e noi oggi ripercorriamo idealmente questa strada: dal giardino che IL SEGNO coltiva, alla città in cui oggi poniamo un nuovo segno di speranza”. Per noi, tale attività di custodia parte dalla salvaguardia e dalla valorizzazione del nostro territorio. Nel ringraziare le persone che ci hanno sostenuto, un grazie particolare va dato alle suore del Bambino Gesù che, facendoci dono di gran parte degli arredi della cucina della scuola S. Maria degli Angeli, hanno contribuito alla realizzazione del laboratorio di trasformazione dei nostri prodotti agricoli.

Data: 20 ottobre 2014.

Fonte: Cooperativa ‘Il Segno’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com