Scigliano, tornano gli studenti curdo-irakeni. La Comunità li accoglie grazie al progetto “Pitagora Mundus”

Per il secondo anno consecutivo ritorno all’Istituto Agrario di Scigliano gli alunni Curdo-irakeni (nella foto). Erano tornati nel loro paese di origine a metà giugno i ragazzi iracheni, dopo un anno scolastico intenso, piacevole e didatticamente positivo. L’altro giorno sono ritornati nel Comune del Savuto, accolti con affetto e simpatia dalla Comunità sciglianese con la quale avevano instaurato un rapporto di reciproca fiducia, rispetto e stima. Ad accogliere il numeroso gruppo c’era la dirigente scolastico Fernanda Petrisano, il sindaco Raffaele Pane, amministratori, rappresentanti delle associazioni e una gran fetta della popolazione sciglianese. Il ritorno dei circa venti giovani studenti irakeni lo si deve al progetto “Pitagora Mundus” organizzato dall’IsCaPI, presidente Salvatore La Porta, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Regione Calabria per frequentare quest’anno la seconda classe dell’Istituto agrario del Savuto. Una manifestazione sobria e solidale verso i rappresentanti di un popolo che in questi giorni è oggetto di una guerra assurda che provoca, morti, sfollati e miseria. La dirigente Petrisano, nel rivolgere il saluto ha sottolineato il proficuo lavoro svolto dai docenti e personale tutto durante lo scorso anno scolastico che ha permesso di acquisire agli studenti “competenze e professionalità nel settore dell’agricoltura, per poi metterla a frutto nel loro paese”. Il sindaco Pane, ha evidenziato la totale disponibilità dell’Amministrazione comunale per quanto di competenza e non solo, privilegiando l’aspetto dell’inserimento sociale e culturale. Un reciproco scambio di vedute fra due popoli che possono capirsi e comprendersi. Infine un buffet ghiotto di prodotti tipici e pietanza stuzzicanti ha addolcito il palato e creato un clima di festa e armonia.

Pasquale Taverna

Data: 28 ottobre 2014.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com