A Santo Stefano di Rogliano si rinnova la tradizione del gigantesco albero di Natale sul modello di Gubbio

E’ STATO accesso nei giorni scorsi il gigantesco ‘albero di luci’ sulla collina che sovrasta il centro storico di Santo Stefano di Rogliano, in provincia di Cosenza. L’avvenimento, che si rinnova da più anni a questa parte, è tra i più suggestivi ed originali promossi in Calabria durante il periodo natalizio. La sagoma dell’abete – la cui punta coincide con il Santuario di Santa Liberata – si staglia imponente nella notte dicembrina ed è possibile, per questo, ammirarla da diversi chilometri di distanza. Quasi duemila luci disposte su una superficie di circa cinquemila metri quadri sul modello di Gubbio creano uno spettacolo unico per il territorio della cintura roglianese. Una bella iniziativa che trova ragioni storiche nella predisposizione delle ‘uminere’ – ovvero, nell’accensione di un cero in prossimità del Natale all’interno di ciascun nucleo familiare come segno di pace, speranza e serenità. Realizzato dall’Amministrazione comunale, l’albero misura settanta metri di larghezza alla base e centocinquanta di altezza. E’, probabilmente, il più grande realizzato nel Mezzogiorno d’Italia. La rappresentazione dell’Albero natalizio sulla collina del Tirone, le cui luci verranno spente il 6 gennaio 2015, sancisce l’impegno di una Comunità, quella santostefanese, che vuole sentirsi viva, attenta e solidale e proiettarsi verso il futuro avendo ben salde le radici nel suo passato. L’iniziativa ha coinciso con l’avvio delle manifestazioni natalizie curate dai volontari delle associazioni e dallo stesso Gal Savuto, che prevedono l’allestimento di mercatini per la vendita di prodotti della tradizione locale, folklore e manifestazioni dedicate ai più piccoli.

Gaspare Stumpo

Data: 24 dicembre 2014.

Fonte: ‘Cronache del Garantista. Calabria’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com