Rogliano. Addio a Giuseppe Egidio Sottile, professore e gentiluomo. I funerali nella chiesa di San Domenico

Giuseppe Egidio Sottile1RESTERÀ’ nel cuore degli amici e di intere generazioni di cosentini che hanno saputo apprezzarne la bontà d’animo e la professionalità. Il professor Giuseppe Egidio Sottile (nella foto) si è spento giovedì sera nella sua casa di Cuti, nel centro storico di Rogliano. Era nato il 4 novembre 1921. Dopo l’esperienza romana tra università e teatro, agli inizi degli Anni Sessanta era ritornato nella sua città per dedicarsi alla famiglia e all’insegnamento. Sin da giovane aveva collaborato con giornali ed associazioni avendo a cuore l’arte e la microstoria. Tra i suoi libri figurano Feste religiose a Rogliano tra fede e folklore, Luoghi di Rogliano tra etimologia e storia, La poesia di Vincenzo Padula, Scritti di Letteratura, Religione, Storia ed altro. Alcuni mesi addietro aveva scritto Poesie della Gioventù, un volumetto di pensieri giovanili dedicati alle persone più care. Esattamente un anno fa, il 6 marzo 2014, a firma di Gaspare Stumpo è stata pubblicata sul settimanale ‘Parola di Vita’ l’esperienza romana, pagina inedita della vita dello stesso Sottile negli Anni Cinquanta/Sessanta quando, da giovane tenore, era stato allievo del grande maestro Dino Fedri. La morte del professore Sottile ha prodotto commozione in tutto il Savuto. Messaggi di cordoglio alla famiglia sono giunti dal mondo delle Istituzioni e della Cultura. Con Sottile scompare una figura esemplare, un galantuomo, un intellettuale autentico. I funerali si sono tenuti questa mattina, alle ore 10.oo, nella chiesa di San Domenico in Rogliano. Il rito è stato officiato da don Giovanni Cananzi e don Antonio Bartucci. “Il professore Sottile – ha detto quest’ultimo – era un animo nobile, semplice, attratto dall’infinito, dalla continua ricerca di Dio che si esprime bene nelle sue opere”.

R. S.

Data: 07 marzo 2015.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com