“Santa Barbara strutturalmente e logisticamente adeguato”. Nuovo intervento del Comitato per la Valle del Savuto

Comitato per la difesa del SavutoIL COMITATO per la difesa del Savuto ha definito “fuori luogo” le affermazioni di alcuni sindacalisti in rapporto al trasferimento di cinque servizi ospedalieri dal Mariano Santo al Santa Barbara. “E’ incredibile che nel 2015 si debba assistere a discussioni che paventano situazioni di marginalità o disservizi che nulla hanno a che vedere con il territorio di Rogliano. Il Santa Barbara – hanno fatto sapere gli interessati – è tra i pochi in Calabria ad essere servito da una fermata (Rogliano Serra Ospedale) e da una stazione ferroviaria (Rogliano Centro) inserite nel circuito di metropolitana leggera. In più, in questa zona – che è baricentrica rispetto alle provincie di Cosenza e Catanzaro – altri collegamenti sono rappresentati dalla Salerno-Reggio Calabria e dalla rete viaria interna. Situato a pochi minuti dall’Annunziata, il nosocomio roglianese possiede inoltre una vasta area parcheggio e un’eli-superficie per emergenze sanitarie e di protezione civile”. In una lunga dichiarazione di ieri i portavoce del Comitato di espressione civica hanno posto l’accento sulla qualità degli ambienti del Santa Barbara “sicuramente più adeguati e certamente più moderni di altre strutture, non foss’altro – hanno detto – per l’investimento di svariati milioni di euro con i quali è stata portata a termine l’operazione di restyling che ha interessato anche la dotazione strumentale. L’ospedale di Rogliano è, dunque, strutturalmente e logisticamente adeguato per ospitare le specialistiche in uscita dal Mariano Santo. Una condizione avvalorata dalla stessa azione dei medici cosentini che operano chirurgicamente proprio all’interno del nosocomio”. Durante il dibattito promosso domenica scorsa a Rogliano, al quale, oltre al sindaco Giuseppe Gallo, hanno partecipato dirigenti politici, delegati sindacali e rappresentanti delle associazioni, il Comitato per la difesa del Savuto ha auspicato un riordino del plesso con funzioni e servizi in grado di innescare sinergie con l’Annunziata, dotato di un Punto di Primo Intervento così come previsto nell’organizzazione della rete delle urgenze e delle emergenze in Calabria.

Gaspare Stumpo

Data: 07 marzo 2015.

Fonte: ‘Cronache del Garantista. Calabria’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com