Ospedale Santa Barbara, il Comitato per la difesa del Savuto scrive ad Auteri: “giusta attenzione al presidio’

Dalila Nesci con Massimiliano Crimi al S. Barbara tsIN UNA LETTERA inviata al direttore generale William Auteri il Comitato per la difesa del Savuto ha espresso sentimenti di gratitudine nei confronti dei vertici dell’Azienda di Cosenza per aver garantito la giusta attenzione al progetto di riordino del presidio ospedaliero ‘Santa Barbara’ di Rogliano. Una disponibilità confermata durante l’incontro che i dirigenti aziendali hanno avuto con i parlamentari Dalila Nesci e Nicola Morra. Nella missiva a firma di Massimiliano Crimi, il gruppo di espressione civica ha posto l’accento, infatti, sulla riattivazione del Punto di Primo Intervento ribadendo l’importanza del servizio in tutta l’area del Savuto. Tra le altre cose, ricordiamo, Nesci e Morra avevano chiesto la verifica delle condizioni per la riapertura del PPI presso il nosocomio roglianese rapportate alle esigenze della popolazione, alle difficoltà legate alla natura del territorio, al rischio sismico e agli stessi collegamenti tra il centro e le realtà periferiche. “Una zona – ha evidenziato Crimi – ignorata nei provvedimenti del commissario Scura per quanto concerne il servizio emergenze-urgenze in un plesso ospedaliero ben strutturato come quello di Rogliano”. Più volte, del resto, lo stesso Comitato aveva richiamato l’attenzione delle istituzioni sulle problematiche relative ai servizi sanitari intervenendo all’interno delle assemblee, con opportune segnalazioni o attraverso manifestazioni specifiche. “La riattivazione del Punto di Primo Intervento, è nostra piena convinzione, sarebbe – ha fatto sapere il portavoce – un primo tassello importante per l’emergenza della popolazione della Valle del Savuto e varrebbe a decongestionare, a riguardo, il presidio dell’Annunziata di Cosenza”. Crimi, quindi, ha indicato in quella di via Sturzo “una struttura che nell’ospitare i reparti del Mariano Santo, anche se temporaneamente, va a garantire una sempre più qualificata rete per l’assistenza a tanti pazienti sottratti all’emigrazione sanitaria”.

Gaspare Stumpo

Data:  21.04.2015.

Fonte: ‘Cronache del garantista. Calabria’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com