Santo Stefano di Rogliano, polemiche in Consiglio. Nuove critiche della minoranza sulla proposta di Comune Unico

Andrea NicolettiE’ STATO un Consiglio comunale dai toni piuttosto accesi, quello che si è svolto nei giorni scorsi a Santo Stefano di Rogliano. Un Consesso, infatti, che ha visto i rappresentanti della minoranza sul piede di guerra in rapporto alle risposte fornite dal sindaco su alcune interrogazioni. L’opposizione ha criticato l’operato dell’Amministrazione guidata da Lucia Nicoletti rea di “perseguire scopi clientelari, di calpestare le regole democratiche, di accentuare le disuguaglianze sociali”. ‘Santo Stefano nel cuore’ ha definito inoltre “ambigua” la posizione assunta dalla maggioranza sulla proposta di Comune Unico (con Rogliano e Marzi, nda) stigmatizzandone la scelta negativa rispetto alla mozione avanzata in passato dalla stessa componente minoritaria. “Prendiamo atto – ha fatto sapere Andrea Nicoletti (nella foto)– che sul delicato problema la maggioranza ha mutato totalmente opinione, assumendo a distanza di tre mesi, una posizione del tutto dissimile a quella espressa pubblicamente nel precedente Consiglio”. “La mozione – ha aggiunto il capogruppo – è stata respinta adducendo la motivazione che i tempi non erano maturi per concretizzare l’idea del Comune Unico, rinnegando di fatto la precedente linea politica della maggioranza. Una posizione fortemente contraddittoria che ha messo in risalto l’ambiguità e il pressapochismo su cui si sviluppa la politica amministrativa locale”. Il Consiglio comunale santostefanese, che nella circostanza ha approvato a maggioranza l’Esercizio finanziario 2014, ha votato alla unanimità la proposta relativa alla istituzione del Comune Unico allargata, però, ai Comuni di Mangone, Paterno Calabro e Belsito.

Gaspare Stumpo

Data: 11 maggio 2015.

Fonte: ‘Cronache del Garantista. Calabria’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com