Presentato il libro ‘Sognando la meta’ di Angelina Pettinato. Originale iniziativa nel centro storico di Rogliano

A. PettinatotsHA SCELTO un luogo pieno di luce, profumi e colori correlandolo al contenuto del suo primo romanzo: ‘Sognando la meta’. “La cultura – ha detto – è un concetto ampio. Si può discutere, riflettere e confrontarsi in una fioreria, come quella di oggi, all’interno di una vecchia abbazia o all’ombra di un porticato”. Di Angelina Pettinato (nella foto) colpiscono il sorriso e la capacità di argomentare. Colpisce, soprattutto, la voglia di trasmettere emozioni attraverso le storie dei suoi personaggi. “Raggiungere la meta significa coltivare giorno dopo giorno l’entusiasmo che altro non è se non il Dio che è dentro di te”. Ettore e Sofia (ma anche Sergio, Claudio ed altri) sono i protagonisti di una storia in cui diversi destini di incrociano. ‘Sognando la meta’ (il titolo è legato alla passione per il rugby di uno dei protagonisti) è un romanzo sociale, d’amore e riscatto ambientato tra l’Etiopia e la Calabria. In quella parte di “sud del mondo” che è essa stessa racconto. Il libro (ed. Narcissus) è stato presentato nel corso di una iniziativa promossa nei giorni scorsi a Rogliano, durante la quale, oltre all’autrice, sono intervenute Susanna Stumpo e Graziella Mazza. “Sognare la meta – ha affermato quest’ultima – è un mantra, un grido di incoraggiamento a vivere con l’obiettivo di arrivare fino in fondo con coerenza, fermezza, studio, allenamento, sacrificio, con il gruppo: una squadra pronta ad incoraggiare e a fare emergere il meglio di te ed un maestro che ci insegna e traccia la strada”. Angelina Pettinato, originaria di Carlopoli in provincia di Catanzaro, è psicologa, psicoterapeutica e teacher internazionale dello yoga della risata. Cofondatrice dell’associazione ‘Promethes’ – ha pubblicato in precedenza il saggio ‘Ritorni Prometeo’ e una interessante raccolta di poesie.

Gaspare Stumpo

Data: 22 maggio 2015.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com