Valle del Savuto. ‘Io non rischio … il valore della prevenzione’. Iniziativa del gruppo protciv ‘Città di Rogliano’

ProtcivIL TEMA della sicurezza è stato al centro del dibattito (nella foto) promosso dall’Associazione di Protezione Civile onlus ‘Città di Rogliano’ – durante il quale tecnici ed operatori sociali hanno discusso di calamità naturali, ma anche (e soprattutto) di strumenti e comportamenti adeguati in caso di allarmi o sciagure. Conoscere per prevenire è stato infatti il filo conduttore della iniziativa ‘Io non rischio … il valore della prevenzione’ – che ha consentito di esaminare le problematiche legate al rischio e alla difesa dal rischio nel Savuto e più in generale nella regione. Terremoti, frane, incendi, erosioni, alluvioni, desertificazioni, sono fenomeni che le popolazioni calabresi conoscono e subiscono peraltro già da secoli. Circostanze non nuove che continuano ad alimentare preoccupazioni per la loro imprevedibilità e per gli stessi effetti su territorio, economia e condizioni di vita delle persone. Diventa sempre di più necessario, pertanto, approfondire la storia e le cause dei disastri; elaborare una pianificazione adeguata in chiave legislativa e in chiave preventiva, con campagne d’informazione e piani operativi per la gestione dell’emergenza sia da parte degli organismi sovracomunali, sia da parte degli enti locali e delle associazioni di volontariato. Molto spesso, però, azioni maldestre e malaffare consentono di disattendere vincoli e strumenti di legge contribuendo ad aumentare il livello di pericolosità nelle zone considerate a rischio. Avere contezza di ciò che è accaduto è il primo passo dunque per la implementazione di strategie d’intervento in funzione di quello che potrebbe ancora accadere. Un contesto che presuppone l’attivazione di energie (e sinergie) che oltre all’elemento istituzionale non può prescindere dalla partecipazione attiva dei cittadini. Un contesto che in alcune Comunità è supportato da una programmazione avanzata ma che in altre, purtroppo, è ancora all’anno zero. Alla manifestazione roglianese, al termine della quale è stato distribuito un opuscolo della Campagna nazionale sulla riduzione del rischio simico, hanno partecipato (e sono intervenuti) il coordinatore tecnico dell’Associazione di Protezione Civile onlus ‘Città di Rogliano’ Bruno Sicilia, le geologhe dell’Autorità di Bacino della Regione Calabria, Tiziana La Pietra e Giovanna Chiodo, l’ingegnere co-fondatore dell’Associazione ‘Cosenzameteo’ onlus Antonello Fante.

Gaspare Stumpo

Data: 28 settembre 2015.

Fonte: ‘Cronache del Garantista. Calabria’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com