Il restauro del Duomo ha previsto la realizzazione di un nuovo altare i legno e marmo. Collocate le reliquie di Santi e Beati

S. Pietro 4tsIL NUOVO altare della Chiesa di San Pietro è stato realizzato in legno e marmo per ricordare il valore prezioso della grazia testimoniata con la collocazione e la custodia delle reliquie di (nella foto) Santa Maddalena di Canossa, Santa Bakhita, San Fabiano, Sant’Abbondio, San Festo, San Perfetto, San Francesco di Paola, Santi Martiri d’Otranto, San Carlo Borromeo, San Pio da Pietralcina, Sant’Umile da Bisignano, San Giuseppe Moscati, San Giovanni Bosco, San Vincenzo Pallotti, Sant’Annibale Maria Di Francia, Santa Giovanna Beretta Molla, Beata Elena Aiello, Beato Luigi Stepinac, Beato Francisco de Paula Victor, Venerabile Elisa Miceli. L’altare rappresenta l’abbraccio simbolico tra l’antico e il nuovo; l’abbraccio tra materiali diversi capaci di comunicare la forza dell’amore e quella della misericordia. Condotta in sinergia con la Soprintendenza ai beni Artistici ed Architettonici della Calabria, l’operazione di restauro ha incluso anche la valorizzazione della Cappella dell’Ecce Homo (oggi Cappella del Battistero) e quella della Immacolata “come luogo per la celebrazione del sacramento della riconciliazione”. Il fonte battesimale è stato collocato dunque nella cappella, in uno spazio proprio, per ricordare l’importanza del battesimo “che inserisce in un cammino di santità concretizzato nell’esercizio della corresponsabilità dei ministeri per vivere la comunione ecclesiale e il primato di Cristo in noi”.

Gaspare Stumpo

Data: 08 dicembre 2015.

Fonte: ‘Parola di VIta’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com