Addio a don Mario Vizza, ha saputo coniugare azione pastorale, cultura e comunicazioni sociali. Capodanno di silenzio a Parenti

don mario2

SI SONO TENUTI nella mattinata del 2 gennaio, nella Chiesa del Carmine, alla presenza dell’arcivescovo Francesco Nolè, i funerali di don Mario Vizza (nella foto), il sacerdote scomparso il 31 dicembre scorso a Reggio Calabria. La morte lo ha colto presso gli Ospedali Riuniti dove, da alcuni giorni, si trovava ricoverato. Parroco della Chiesa del Carmine in Parenti e della Chiesa del Rosario in Saliano (Rogliano), don Vizza è stato pure insegnante ed operatore culturale. Aveva svolto il ministero nella Comunità di origine all’indomani dell’ordinazione presbiterale avvenuta il 7 luglio 1967. Carattere socievole, ha influito positivamente sulla vita sociale e culturale del suo paese. A metà degli Anni Settanta aveva fondato Radio Alto Savuto, una delle emittenti storiche, luogo di aggregazione per diverse generazioni di parentesi. La sua è stata una intuizione legata alla grande passione per l’innovazione confermata, successivamente, con l’avvento di Internet. Promotore di iniziative di supporto al mondo dell’associazionismo (banda musicale, majorette, gruppo scouts) e a quello della emigrazione, don Mario Vizza amava anche i viaggi e la fotografia. Interessi che faceva confluire nelle pagine interattive promosse sulla Rete e dedicate alle attività della parrocchia, ma anche alla storia e alle tradizioni di Parenti. Un prete, dunque, che ha saputo coniugare azione pastorale e modernità attingendo con costanza ai nuovi mezzi della comunicazione di massa. Non a caso, infatti, nelle ultime ore la sua pagina Facebook è stata riempita di con messaggi d’affetto provenienti da tutto il mondo. Ieri pomeriggio una folla immensa ha atteso l’arrivo della salma giunta a Parenti per essere trasferita nella Chiesa del Carmine, dove è stata allestita la camera ardente. La notizia della morte di don Vizza ha provocato sgomento nel Savuto e nell’intera diocesi cosentina. Si è trattato, invece, di un vero e proprio capodanno di silenzio a Parenti. Ore di tristezza per quanti hanno conosciuto ed amato questo sacerdote calabrese dall’animo buono e col sorriso sempre sulle labbra. Don Mario aveva settantacinque anni ed era da tempo ammalato.

Gaspare Stumpo

Nella foto: una posa di don Mario Vizza tratta dal suo profilo Facebook.

Fonte: ‘Cronache del Garantista. Calabria’.

Data: 03 gennaio 2015.

Le intuizioni di don Mario Vizza in un articolo di Gaspare Stumpo dal titolo “Un prete ad alta frequenza” pubblicato sul settimanale ‘Parola di Vita’ il 23 maggio 2008.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com