Mestieri di un tempo come riscoperta e valorizzazione della Memoria nei presepi viventi del Savuto

www.

*di Gaspare STUMPO

NEI PAESI del Savuto così come in altre comunità del Mezzogiorno la rappresentazione del Presepe Vivente è legata alla storia e alle tradizioni locali. Un evento che nella quasi totalità dei casi è associato all’esperienza contadina, proiezione di un modello sociale e culturale incastonato nella modernità ma esaltato dalla bellezza architettonica dei vecchi borghi. Luoghi dove il tempo sembra essersi fermato: case, piazze e vicoli capaci di emanare il fascino delle cose di una volta, nostalgia di un passato perduto da contrapporre, sebbene per poco, ai ritmi frenetici e alla omologazione della società odierna. Anche quest’anno, dunque, la riscoperta di arti e mestieri ha caratterizzato gli itinerari che hanno condotto alla raffigurazione della Natività, presenti il falegname, la tessitrice, il fabbro, il calzolaio, gli scribi, le lavandaie, il fornaio, i commercianti, la ricamatrice ed altre figure compresi i pastori e gli animali domestici. Uno spaccato di Memoria supportato dal suono delle zampogne e anticipato, nel caso di Rogliano, dalla celebrazione – con testi e musiche popolari – di alcune novene prima dell’alba. I rioni Cuti, Serra e Donnanni sono stati scelti come location per i presepi viventi che nella città del Savuto (Rogliano, ndr) hanno visto protagonisti gli alunni dei plessi scolastici di via Oreste D’epiro, via Felice Roberti e gli adulti del Comitato Donnanni (nella foto). Un presepe vivente dei bambini è stato proposto anche a Cellara e, nella vicina Santo Stefano di Rogliano a cura del Comitato Centro Storico. E’ stato riproposto il 6 gennaio l’itinerario della Natività in località Diano di Scigliano. Il borgo di origine medioevale è stato trasformato per l’occasione in una piccola Betlemme. L’iniziativa è gemellata con quella di Jonadi, in provincia di Vibo Valentia. Non si è tenuto, infine, l’edizione 2015 del presepe vivente di Panettieri. Il motivo è legato ad importanti ed urgenti lavori di sistemazione avviati nel centro storico.

Data: 09 gennaio 2016.

Fonte: ‘Cronache del Garantista. Calabria’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com