Comunali 2016. Cristina Guzzo si presenta: “vogliamo esserci e fare”. Rogliano, terza lista in campo

Cristina Guzzo 1ts‘ESSERCI per fare’ è il nome della lista, la terza in ordine di uscita, che sostiene la candidatura di Cristina Guzzo alle elezioni per il rinnovo del Consiglio comunale di Rogliano. Il raggruppamento, eterogeneo per ideali politici, è composto da persone che hanno sposato un progetto comune. “Né di Destra, né di Sinistra” – il movimento vuole contribuire alla nascita di una nuova classe dirigente che abbia motivazioni etiche e morali. Che sappia dialogare e creare opportunità di benessere e sviluppo sul territorio. L’obiettivo è quello, infatti, di “far rinascere la fiducia nelle istituzioni e la partecipazione alla vita della Comunità” – ma anche di contribuire alla “costruzione di un paese più vivibile e adatto alle nuove generazioni”. Il programma è stato presentato nel cortile di Palazzo Morelli, a Rogliano, nell’ambito di una iniziativa (nella foto) che ha previsto interventi di Miriam Coccari, Marianna Salfi, Ida Arabia, Francesco Cozza e della stessa Cristina Guzzo. “Rogliano – ha detto quest’ultima – non è più quella di un tempo per responsabilità di noi cittadini. E’ opportuno per questo alzarci le maniche e ricominciare mettendo in campo competenze e voglia di fare”. Nel corso della manifestazione sono state esposte le quattro aree (Cultura, Famiglia, Attività produttive, Cooperazione) che caratterizzano il programma di ‘Esserci per fare’. Un “Programma Politico Partecipato” dinamico, aperto al contributo dei cittadini, che traduca in proposte concrete anni di studio e discussione. “La politica – ha aggiunto Guzzo – è mettersi al servizio della gente, confrontarsi sulle idee, conoscere e migliorare il tessuto sociale”. ‘Esserci per fare’ vuole puntare sulla famiglia come nucleo centrale della Comunità, valorizzare la storia e le tradizioni locali, ricercare idee nuove per la promozione delle produzioni, favorire la cooperazione e l’innovazione in ambito commerciale, ottimizzare i servizi, sostenere le attività sociali e i “saperi”. Il dibattito non ha escluso interventi sulla Sanità, soprattutto sulla riorganizzazione del presidio ospedaliero ‘Santa Barbara’ – e sulla conurbazione. “Per la sua storia e le sue potenzialità – ha spiegato Cristina Guzzo – Rogliano e la Valle del Savuto devono tornare ad essere al centro dell’attenzione in rapporto alla Città Capoluogo e al futuro sua Area Urbana”.

Gaspare Stumpo

Data: 04 aprile 2016.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com