Accesa lampada votiva nella Basilica di S. Francesco di Paola. Santocarmine Beltrano: “momenti carichi di emozione”

Santo Carmine BeltranoIL DUE MAGGIO scorso, nella Basilica Santuario di San Francesco di Paola – nella cittadina tirrenica – si è svolto l’appuntamento annuale dell’accensione della lampada votiva. Quest’anno l’evento ha assunto una particolare veste che ha emozionato tutti i presenti: a donare l’olio alla lampada infatti non sono stati i sindaci ma delle categorie rappresentative consigliate dai vescovi calabresi a cui è rivolta massima attenzione e interesse. Nello specifico l’olio è stato donato da un disabile, un detenuto, una famiglia, un immigrato e un volontario. “Momenti carichi di emozione per i presenti e per noi che abbiamo donato l’olio” – dice il giovane Santocarmine Beltrano (nella foto), il volontario di Paterno Calabro scelto per rappresentare la categoria. “Un momento intenso che ha rafforzato il legame che c’è fra la Comunità paolana e quella paternese, unite entrambe dalla devozione per il Santo che ha lasciato le sue orme nei nostri Comuni.” Parla emozionato il giovane Beltrano, sottolineando l’importanza di questo evento nell’anno del Sesto Centenario della nascita del Santo Paolano: “San Francesco, Luce di Calabria, non ha lasciato molti testi scritti ma ha trasmesso ai popoli il messaggio di carità e fraternità”. Aggiunge: “l’olio donato vuol essere simbolo di rinnovata devozione non solo per la protezione durante la seconda guerra mondiale ma anche per il forte legame che le nostre Comunità vivono con il Santo. San Francesco di Paola vive nel cuore di chi segue le sue orme vivendo secondo la carità, la giustizia e l’amore fraterno, quello che troppo spesso viene corroso dall’arroganza”.

Data: 09 maggio 2016.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com