Piano Lago, sindacalisti, lavoratori e amministratori locali chiedono la riapertura dei cantieri autostradali

Lavoratori della mobilità in deroga tsRIAPRIRE i cantieri della Salerno Reggio Calabria e della 106 Jonica è la richiesta che le organizzazioni sindacali fanno al Governo per consentire l’ammodernamento delle due grandi arterie regionali e fornire – nello stesso tempo – “una boccata di ossigeno” ai lavoratori. Per Cgil, Cisl e Uil, infatti, riaprire i cantieri significa sostenere il settore edile – un comparto che in pochi anni ha segnato un serio crollo degli occupati – mettere in sicurezza le strade, ottimizzare i tempi di percorrenza e garantire migliori condizioni di vita sul territorio. Occorre investire sulla realizzazione e manutenzione di infrastrutture per creare nuove forme di sviluppo economico, soprattutto nelle aree interne della regione. Sindacalisti, lavoratori, amministratori locali e rappresentanti delle associazioni criticano “il taglio” (projet rewiew) delle risorse destinate al miglioramento del tratto A3 del Savuto, uno dei più difficili del Mezzogiorno. Così come a Roseto Capo Spulico anche a Piano Lago, nei giorni scorsi, hanno chiesto “fatti, non passerelle”. Alla iniziativa è stato presente anche un gruppo di lavoratori della mobilità in deroga (nella foto) sui quali pende la spada di Damocle della scadenza dei progetti.

G. St.

Data: 09 maggio 2016.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com