Rogliano, il tema della Emigrazione italiana in una conferenza del giornalista Ferdinando Perri

Ferdinando PerriNEI GIORNI scorsi, al Museo di Arte Sacra di Rogliano, il giornalista Ferdinando Perri ha intrattenuto gli studenti della Scuola Media di Rogliano e Parenti sul tema dell’Emigrazione. Al termine dell’incontro (nelle foto) Ferdinando Perri ha distribuito, a docenti ed alunni, oltre ad un opuscolo sugli scalpellini di Rogliano scritto insieme a Luigi Michele Perri, un suo libro dal titolo “Il miracolo Peron”. Il relatore si è soffermato sull’evoluzione del drammatico fenomeno, dalle sue origini ai giorni nostri. Riferendosi al fenomeno migratorio dei primi anni del Novecento, fra l’altro ha affermato che: “… le partenze, soprattutto all’estero, non diedero mai tregua ad una realtà territoriale alla quale, nell’arco di mezzo secolo, non era stata data data nessuna prospettiva di ripresa. Dal 1860 al 1913, il tasso di emigrazione subì un incremento del 600%. Si partiva alla volta della Germania, della Francia, della Svizzera, ma soprattutto verso gli Stati Uniti d’America, considerati come una vera e propria terra promessa.

Il fenomeno contribuì a mutare l’economia e la vita sociale italiana. L’emigrazione, in quanto esportazione di forza lavoro, ebbe la capacità di riequilibrare la bilancia nazionale dei pagamenti. Dal 1901 al 1910, infatti, le rimesse degli italiani all’estero dirette in Patria oscillarono tra i trecento e i seicento milioni di lire … “.

Data: 31 maggio 2016.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com