Santo Stefano di Rogliano, ancora applausi per la Compagnia Teatrale del Savuto. Entusiasmo al concerto di Fausto Leali

 compagnia-teatrale-1I FESTEGGIAMENTI in onore di Santa Liberata, a Santo Stefano di Rogliano, hanno riscosso molto successo. La Compagnia Teatrale del Savuto ha presentato il suo nuovo spettacolo: “Pazzo!? Solo mio figlio Franco!!?” liberamente tratto da una commedia di Vincenzo Salemme che gioca sulle contraddizioni e i doppi sensi, divertente ed ironica che la regista Antonietta Tucci ha reso più brillante adattandola allo stile della Compagnia. La commedia (nelle foto) nata in dialetto napoletano e tradotta in vernacolo santostefanese gioca molto sugli equivoci e sul tema della follia umana amplificata da contraddizioni e l’uso del linguaggio ricco di battute che suscitano ilarità . La Compagnia porta in scena una commedia che ruota intorno alla figura della signora Chiara, interpretata da Palmo Fuoco, preoccupata per la “malattia di nervi” del figlio Franco (Antonio Sicilia) che instabile psicologicamente trascina nella sua “follia” tutti i personaggi coinvolti in una scena di vita quotidiana; ci sono poi Mariuccia (Maria Parise) pettegola e ficcanaso, innamorata segretamente di Franco alla cameriera ciociara (Vanessa Russo) corteggiata dal postino e maltrattata dalla signora chiara, il medico (Sergio Cozza) che beve la Novalgina della signora Chiara fino allo svenimento, e la sorella della signora Chiara, Celeste (Roberta Deni) donna distratta e sventata. Il motto della Compagnia Teatrale del Savuto “Un sorriso arricchisce, senza impoverire nessuno” ha reso la serata dell’esibizione molto spassosa, facendo dimenticare, leali1almeno per un po’  – i problemi e le preoccupazioni quotidiane ; in fondo il motto ha come “ratio” anche questo: divertire, divertendosi.  Molto coinvolgente ed entusiasmante è stato anche il concerto (nella foto) di Fausto Leali. Il cantante dalla vocalità caratteristica che gli ha fruttato l’appellativo di “negro bianco” La minaccia di pioggia non ha fermato il pubblico e i suoi fans che numerosi hanno assistito al concerto. Tra vecchi e nuovi successi, il cantante ha entusiasmato la platea che infreddolita si è ben presto “ riscaldata a suon di canzoni evergreen come “Malafemmina” e memorabili come “ Mi Manchi” – “ A chi” – “ Io amo” – “ Angeli negri” – un vero e proprio inno all’abbattimento delle differenze tra razze .

M.P.

Data: 26 settembre 2016.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com