Festa de l’Unità a Santo Stefano di Rogliano: “i giovani vogliono essere protagonisti sul territorio”

unita1SI E’ SVOLTA gli scorsi 30 settembre e 1 ottobre 2016, la Festa de L’Unità a Santo Stefano di Rogliano. Due giorni ricchi di appuntamenti ed iniziative che hanno reso l’evento non una sterile iniziativa ma una concreta base di partenza per iniziare a riflettere sulla politica e sulle potenzialità del territorio del Savuto che i giovani possono contribuire a rendere concrete ed attuabili. Il Savuto, come tutta la Calabria, è terra ricca di storia, fascino e possibilità ma è resa povera dall’indifferenza e dalla prepotenza di chi comanda che non fa nulla per innovare e che non lascia la “poltrona” a chi invece vorrebbe evolvere, trasformando le parole in fatti.

Ma sembra che a Santo Stefano di Rogliano soffia il vento del cambiamento; un vento che porta con sé la voglia di mettersi in gioco per cambiare. Come affermava il filosofo greco Eraclito – “Tutto scorre” – tutto cambia continuamente tanto che “nessun uomo può bagnarsi nello stesso fiume per due volte, perché né l’uomo né le acque del fiume sono gli stessi”. Quindi è giusto che si lasci spirare questo vento che cosi come scompiglia le carte su una scrivania , così agiterà le coscienze degli uomini che vogliono cambiare e assicurare un futuro migliore alle nuove generazioni.

Ed è il vento dei giovani che con la loro voglia di non essere più succubi, accettando passivamente la realtà ma essere partecipi del rinnovamento attivamente, che potrà portare, si spera, al vero cambiamento. “E’ un onore per me perché riorganizziamo una festa che può essere vista come qualcosa di positivo per chi ha ancora degli ideali; rimanere nelle nostre stanze è un errore in cui non bisogna cadere, trattare la politica con distanza non è una cosa che aiuta, dobbiamo andare in giro per la Valle.” Con queste parole – Ivano Carpino – segretario del PD di Santo Stefano di Rogliano, ha aperto il convegno tenutosi lo scorso 1 ottobre presso la sala consiliare del municipio di Santo Stefano. Ed è con questo spirito che i giovani santostefanesi hanno riorganizzato una festa che mancava in paese da più di venti anni. Infatti le ultime edizioni della festa risalgono ai primi anni ’80; per l’occasione sono state recuperate ed esposte nella sala consiliare del Comune alcune foto risalenti all’epoca. I giovani santostefanesi vogliono fare politica iniziando dal loro territorio. “La Valle che risponde” è il titolo del primo convegno che si è tenuto durante la manifestazione e si riferisce proprio a ciò: la politica deve partire dal territorio in cui si vive “Abbiamo scelto questo titolo riferito alla gente, e dalla gente bisogna partire perché la gente rappresenta la quotidianità”  Queste sono le basi sulle quali partire per far in modo che la politica possa dare delle risposte concrete ai cittadini.

I due convegni (nelle foto) hanno avuto illustri relatori ed esponenti della politica: nel primo convegno dal titolo “La Valle che risponde” –  presentato e moderato da Vanessa Russo, segretaria del GD Santo Stefano di Rogliano, sono intervenuti: Lucia Nicoletti, sindaca di Santo Stefano di Rogliano; Ivano Carpino, segretario PD di Santo Stefano di Rogliano; Michele Rizzuti, segretario GD Provincia di Cosenza; Laura Scarpino, segretaria GD di Scigliano; Nicholas Abate, responsabile Turismo e Politiche per la riqualificazione dei centri storici della federazione di Cosenza; Antonietta Russo, assessore alle politiche sociali e frazioni del comune di Rogliano; Anna Pittelli, responsabile. nazionale formazione politica; Mario Valente, segretario GD Calabria.Nel secondo convegno , moderato dal giornalista Attilio Sabato, sono intervenuti oltre alla sindaca Lucia Nicoletti, Ivano Carpino ,segretario PD Santo Stefano e Vanessa Russo segretaria GD Santo Stefano: Luigi Guglielmelli, segretario provinciale PD; Ernesto Magorno, segretario regionale PD, Roberto Musmanno, assessore regionale alle infrastrutture e Graziano di Natale, presidente della Provincia di Cosenza. Entrambi i convegni hanno portato alla luce le varie problematiche che caratterizzano il territorio della Valle del Savuto e hanno affrontato le tematiche che sono state proposte nel questionario online pensato dai circoli GD e PD di Santo Stefano di Rogliano e che aveva lo scopo di tastare il polso alla realtà territoriale e individuare azioni utili allo sviluppo dei servizi nella Valle del Savuto. Le cinque tematiche affrontate erano: lavoro,turismo,sanità, mobilità e offerta culturale.

Ha avuto un buon successo, molti cittadini hanno risposto online permettendo di far emergere quali sono effettivamente le problematiche quotidiane alle quali dare immediata risposta. “In una comunità bisogna che ci sia la critica, sennò è una comunità monca; quindi che ben venga la critica – afferma il sindaco di Santo Stefano di Rogliano , Lucia Nicoletti, in un territorio dove ogni cosa diventa criticità che combattiamo quotidianamente e la criticità è spesso legata al fattore economico”. Ci si aspetta da parte delle istituzioni e dei politici una risoluzione dei problemi che riguardano le varie problematiche del territorio e si auspica che il neo presidente della provincia di Cosenza, l’avvocato Graziano Di Natale, possa essere la persona giusta . quest’ultimo intervenendo nel corso del secondo convegni ha dichiarato: “io non ho la giusta ricetta ma è necessario che ognuno faccia il proprio dovere; la politica deve fare il suo dovere. La risposta adeguata è l’efficienza , questa è la sfida. Non farò nulla di eccezionale ma ripristinerò le regole, la normalità. Affrontiamo i problemi che rendono il paese normale e bisogna partire dagli studenti; l’istruzione è l’arma che ci consente di essere competitivi. La cosa pubblica si amministra con diligenza e competenza esattamente come fa il buon padre di famiglia. Il mio impegno per questa terra non è che un piccolo tassello per la costruzione di una nuova Calabria.”

Le serate sono state allietate dagli spettacoli musicali degli Elven (nella prima serata) e della “C’è Rino Band-tributo a Rino Gaetano” e dagli stand gastronomici con prodotti tipici dell’enogastronomia locale.

Maria Parise

Data: 10 ottobre 2016.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com