Gli studenti di Grimaldi ricordano i Caduti per la Patria. Cerimonia alla presenza di Anpi e istituzioni locali

grimaldi-manifestazione-anpiNELLA SPLENDIDA cornice della gremita sala ‘Madre Teresa di Calcutta’  entrano i percussionisti preceduti da quattro studenti con la bandiera tricolore; segue l’Inno di Mameli e la Canzone del Piave intonata mirabilmente dall’orchestra dell’Istituto Comprensivo (di Mangone, ndr). Scorrono le immagini delle proiezioni dei filmati, dei lavori prodotti dagli studenti, frutto delle riflessioni del percorso didattico indicato dalla dirigente scolastica, prof.ssa Mariella Chiappetta. Il clima che si respira all’interno della sala è di forte emozione umana, denso di significato storico ma soprattutto valoriale. La dirigente scolastica ringrazia tutti gli intervenuti: il sindaco di Grimaldi, Carlo Ferraro, il sindaco di Belsito Antonio Basile, il sindaco di Malito, Carlo Carpino, le autorità civili, religiose, militari ed i rappresentanti della varie associazioni presenti. La dirigente si sofferma sul valore della ricorrenza: una “ricorrenza condivisa dalla scuola e dalle Comunità che, orgogliose delle proprie tradizioni, si ritrovano insieme per riflettere sui valori che sorreggono la vita associativa e democratica del Paese”. Ricorda il sacrificio di tanti uomini e donne, caduti per difendere la propria Patria ed i propri diritti, caduti per difendere la libertà e la giustizia, beni supremi della democrazia. A questi temi si collega l’intervento del vice presidente dell’ANPI – Associazione Nazionale Partigiani di Cosenza, Matteo Dalena, storico e giornalista, che indirizza lo sguardo sulle fonti delle sofferenze umane determinate dalle guerre, dai conflitti che ancora oggi provocano afflizioni, fughe, violenze di ogni genere e che sono la causa dell’abbandono traumatico dei rispettivi territori e comunità. Solidarietà, concordia e pace sono le parole magiche che si accordano con le note musicali, le poesie, le recite ed i canti espressi in onore dei caduti. Pensieri di pace, riflessioni sul tricolore, lettera a Basilio Bianchi, partigiano caduto per la libertà raggiungono livelli alti di coinvolgimento emotivo. Terminata la prima fase della cerimonia, prende forma un lungo corteo che, attraversando il cuore del paese, si dirige verso la piazza del centro storico (nella foto) che ospita il monumento dei Caduti. Si da inizio alla cerimonia dell’alza bandiera, si depone la corona dall’alloro, mentre ad alta voce si leggono i nominativi dei caduti scolpiti nella pietra e nei cuori della Comunità, mentre la folla risponde “presente” . Segue la preghiera in onore dei caduti e la benedizione impartita dal giovane parroco, don Claudio Albanito. E’ presente la rappresentanza del Comando bersaglieri (guidata dal tenente Antonucci), che il sindaco Carlo Ferraro ringrazia, insieme alla rappresentanza dell’Arma dei Carabinieri (maresciallo Domenico Minnicelli). L’intervento del primo cittadino e della dirigente scolastica concludono la solenne cerimonia.

Data: 07 novembre 2016.

Fonte: Istituto Scolastico Comprensivo di Mangone.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com