Rogliano, nuovo successo per ‘DiVino Savuto’. Arte, ambiente ed enogastronomia per il rilancio del territorio

divino2tsCREARE le condizioni affinché il territorio diventi attrattivadivino1tsturistica coniugando ambiente, arte ed enogastronomia. Lo hanno ribadito amministratori, storici ed esperti di settore nel corso della due giorni (nelle foto) promossa a Rogliano dall’associazione Rublanum in collaborazione con Comune e Regione Calabria. Il Savuto ha le carte in regola per fornire opportunità e richiamare appassionati alla ricerca di nuove esperienze in una sorta di “viaggio” tra le eccellenze locali. Vino, pane, castagne ed altri prodotti ottenuti dalla trasformazione di frutta ed ortaggi rappresentano, infatti, una vera e propria ricchezza in chiave economica ma solo se inseriti in un percorso virtuoso. Non a caso, la terza
divino9ts
divino7tsedizione di ‘DiVino Savuto’ oltre all’afflusso di migliaia di visitatori ha trovato senso in un programma di qualità caratterizzato da dibattiti, spazi culturali, concerti musicali, folklore e visite guidate. Una parte del vecchio borgo (Corso Umberto) è stato trasformato in un itinerario con punti degustazione e ristoro, intrattenimento e cantine museo. Protagonista il Savuto doc, un vino rinomato e celebrato per la sua consistenza, ma anche per la storia millenaria legata ad un’area molto particolare 
divino10ts
per caratteristiche geografiche e microclimatiche. divino5tsI progetti messi in campo dai Comuni (il Mibact è uno di questi) ma soprattutto dal Gruppo di Azione Locale attraverso il Piano di azione del Psr, così come il Contratto di Fiume tendono alla valorizzazione del contesto architettonico, produttivo e paesaggistico. E’ necessario fare pertanto sistema puntando sulla ‘Memoria’ – recuperando e rilanciando importanti aspetti di microstoria, divino6tsdifendendo le biodiversità ma, divino3tssoprattutto, rivalutando odori e sapori con proposte moderne, competitive, capaci di abbinare il cibo alla cultura del posto. “Abbiamo scelto di vivere in questa città e vogliamo farlo bene. Il nostro obiettivo – hanno detto gli organizzatori – è quello di sostenere iniziative puntando sul binomio tradizione-innovazione”. ‘DiVino Savuto’ si è concluso con un entusiasmante concerto dei Crifiu. Il gruppo rock del noto Salento, ha divertito giovani e non più giovanissimi, proponendo per l’appunto alcuni pezzi del proprio repertorio artistico-musicale. Largo consenso e plauso a chi la musica sta cambiando.

Gaspare Stumpo

Data: 22 novembre 2016.

Fonte: ‘Cronache delle Calabrie’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com