Tre incontri per promuovere la cultura della sicurezza. Iniziativa dell’Associazione di Protezione Civile ‘Città di Rogliano’

rogliano-presentazione-progetto-prot-civ-tsTRE INCONTRI per discutere di protezione civile, tre incontri per promuovere la cultura della sicurezza. L’obiettivo è la creazione di una rete territoriale in cui i cittadini possano sentirsi parte attiva sia in chiave preventiva, sia in chiave emergenziale. Il fine è dettato da ragioni storiche e geografiche rafforzate dai timori seguiti agli effetti del nuovo terremoto che ha colpito il Centro Italia. Stilato dal Gruppo di Protezione Civile ‘Città di Rogliano’ – onlus, il progetto dal titolo ‘Terremoto, parliamone insieme’ è stato presentato nel corso di una conferenza aperta al pubblico (nella foto) a cui hanno partecipato operatori della comunicazione, esponenti delle istituzioni e del volontariato. L’occasione è servita ad illustrare le attività, l’aspetto formativo ed operativo, il ruolo ed i programmi della protciv roglianese. Quindi, gli appuntamenti del 25 novembre, 2 e 16 dicembre 2016 in cui (a partire dalle ore 18) saranno trattati i vari tipi di emergenza (terremoti, alluvioni, incendi, dissesti idrogeologici, fughe di gas e sversamenti tossici), le regole da seguire e i comportamenti da assumere in rapporto alle indicazioni contenute nei piani comunali di protezione civile. Si punta, infatti, ad informare (e a formare) la popolazione affinché la stessa possa diventare più attenta, consapevole e preparata ad affrontare l’emergenza e le conseguenze dell’emergenza anche dal punto di vista psicologico. La Calabria, ricordiamo, è zona altamente sismica con aree esposte a gravi fenomeni di dissesto idrogeologico. Il Savuto è tra queste. Coordinati dalla giornalista Debora Ruffolo, ai lavori del convegno sono intervenuti Aurelio Scaglione, Antonello Fante, Ernesto Sottile, Ada Schiumerini e Bruno Sicilia. Il Gruppo di Protezione Civile ‘Città di Rogliano’ ha fatto sapere che le prime annualità della quota ottenuta dal fondo del cinque per mille saranno utilizzate per la realizzazione di un canale radio riservato agli operatori del soccorso e l’acquisto di due torri-faro per l’attivazione di punti luce in caso di emergenza.

Gaspare Stumpo

Data: 26 novembre 2016.

Fonte: ‘Cronache delle Calabrie’.

Commenti

Ti potrebbero interessare...

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com