Valle del Savuto, parte il ‘Contratto di Fiume’. Tredici Comuni coinvolti nel progetto

Rogliano, Ponte di Tavoleria sul fiume SavutotsI SINDACI di Rogliano, Belsito, Carpanzano, Malito, Martirano Antico, Martirano Lombardo, Marzi, Motta Santa Lucia, Nocera Terinese, Parenti, San Mango d’Aquino, Santo Stefano di Rogliano e Scigliano, hanno aderito al ‘Contratto di Fiume’ – uno strumento di programmazione negoziata tra soggetti pubblici e privati che consente di pianificare la tutela, la valorizzazione delle risorse idriche e le azioni di salvaguardia dal rischio idraulico con il coinvolgimento diretto e attivo dei cittadini. Rientrano nel progetto questioni relative ad inquinamento, sprechi, mutamenti climatici e gestione dell’acqua. Gli undici Comuni ricadono nel bacino del fiume Savuto. L’azione è promossa dalla Regione Calabria che ha introdotto il ‘Contratto di Fiume’ nella legge urbanistica con l’intenzione di promuovere la concertazione e l’integrazione delle politiche a livello di bacino e sottobacino idrografico per favorire strategie condivise sui territori. Rogliano sarà Comune capofila e coordinerà tecnicamente i lavori. “Si tratta – recita un documento – di avviare un percorso comune di programmazione che pone al centro dell’interesse il fiume. Il Savuto, dunque, come potenzialità per la valorizzazione turistica ed economica del Comprensorio e non come minaccia”. L’argomento è stato affrontato nel corso di una iniziativa propedeutica alla quale hanno partecipato, oltre ai tredici amministratori interessati, l’assessore regionale alla Pianificazione territoriale, Francesco Rossi, e i dirigenti regionali Giovanni Soda e Carmelo Salvino.

Gaspare Stumpo

Data: 01 dicembre 2016.

Fonte: ‘Cronache delle Calabrie’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com