Vicenda Asp, il sindaco Altomare: “siamo per la legalità ma contro chi vuole criminalizzare l’intera Comunità”

“NOI SIAMO per il massimo rispetto e per la massima tutela della legalità: su questo non ci sono dubbi di sorta. Sulla vicenda (Asp, ndr) specifica, che riflette un fenomeno, purtroppo, diffuso in Italia senza alcuna distinzione di area geografica, rinviamo ogni valutazione all’esito della inchiesta della magistratura, in particolare di questa magistratura su cui i cittadini ripongono la loro estrema fiducia”.

“Personalmente, in quanto sindaco, avverto, in questo momento, il dovere di tutelare l’immagine di Rogliano e della sua Comunità. In casi del genere, ogni generalizzazione sarebbe un errore. Non c’è alcun motivo di criminalizzare o minimamente intaccare tutta una Comunità che, giorno per giorno, nella sua generalità, fa il suo dovere e più del suo dovere, con tutto il proprio riconosciuto attaccamento al lavoro. Al netto di ogni caso individuale o particolare, è possibile sottolineare, con tutta la convinzione possibile, l’operosità dei roglianesi, una qualità di cui storia e tradizioni rendono abbondanti testimonianze. Complessivamente, le nostre strutture pubbliche funzionano alla perfezione. Non abbiamo mai ricevuto proteste per disservizi o disfunzioni, ove si escludano lamentele del tutto fisiologiche in una comunità”.

“Nella piazza centrale c’è il primo Monumento ai Caduti sul Lavoro, che raffigura un minatore, simbolo della emigrazione roglianese nel mondo. Quel monumento riassume il senso della nostra identità. E’ un monito e segna un esempio. E’ la stella polare di ciascuno di noi”. Così, in una nota, il sindaco di Rogliano, Giovanni Altomare.

Data: 11 febbraio 2017.

Commenti

Ti potrebbero interessare...

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com