Altilia, proroga del contratto per i giovani impegnati nel progetto beni culturali. Appello del sindaco per l’unione dei Comuni

IL SINDACO Pasquale De Rose (nella foto) saluta con soddisfazione la proroga del contratto per i trenta giovani diplomati e laureati, impegnati nell’attività del recupero dei beni culturali. I giovani svolgono con capacità la propria attività per il recupero dell’ambiente, per il doposcuola, per l’assistenza di bambini nella scuolabus, nella sistemazione della biblioteca comunale e per l’allestimento del museo degli antichi mestieri e delle tradizioni. “L’avvio del progetto è partito nell’anno 2015 e a seguito del nostro intervento al Ministero della Gioventù, abbiamo ottenuto una proroga dell’attività fino a Dicembre 2017. Proprio in questi giorni – ha continuato De Rose – nella sede del Ministero abbiamo svolto un’azione per sollecitare i pagamenti. É stato già emesso e firmato il decreto di accreditamento delle risorse per la retribuzione dei giovani. Il finanziamento è stato ottenuto dalla presidenza del Consiglio dei Ministri. Altro evento che salutiamo con particolare soddisfazione è la definizione dei contratti di lavoro a tempo indeterminato per coloro i quali lavorano nel centro commerciale a Savuto. Questi nuovi lavoratori con contratto a tempo indeterminato, si aggiungono a lavoratori nella zona del Savuto, impegnati già da alcuni anni per i primi insediamenti del rifornimento benzina costruito su un’area con autorizzazione consentita nell’anno 2000 dalla giunta De Rose. Si tramutano in positività la proposta, la tenacia, la lungimiranza di mettere al centro attività per servizi che creano lavoro. L’unione dei comuni ormai in via di essere definita da parte della legislazione sugli enti locali dovrà puntare ad aggregare in un’area avviata a crescite e sviluppo”. “Unire i nostri Comuni confinanti in quest’area – ha dichiarato De Rose – servirà a ottenere dallo Stato il 50% dei trasferimenti in più. Non si potrà più perdere tempo, si dovrà avviare procedure per deliberare l’unione dei Comuni avviando un Referendum dei cittadini: Altilia, Scigliano, Pedivigliano, Grimaldi, Malito, Belsito, Martirano, Motta Santa Lucia: siamo vicini, uniamoci. E’ quanto abbiamo più volte sollecitato ai colleghi sindaci”. “Mi auguro che il nuovo appello venga accolto per garantire un futuro di crescita alle generazioni che verranno. La nostra proposta, ha affermato De Rose, per consentire a imprenditori di investire nel nostro territorio, sta garantendo benefici economici per le casse comunali: entrate per legge Bucalossi, benefici per i cittadini con la diminuzione delle tasse sui rifiuti e lavoratori a tempo indeterminato. E altri benefici sono in fase di essere realizzati con l’inizio dei cantieri per la banca e l’ipermercato. L’azione della Giunta comunale, con il sostegno dei cittadini, guarda con fiducia al progresso della comunità, proprio in considerazione dei risultati eccellenti che si concretizzano e assicurano crescita economica e sociale”.

Data: 27 febbraio 2017.

Fonte: Comune di Altilia (Cosenza).

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com