Unione dei Comuni nel Savuto, mons. Vincenzo Filice responsabile del Comitato per il Si

Mons. Vincenzo Filice è stato indicato, per acclamazione, presidente del Comitato che si occupa di coordinare la discussione sulla proposta di fusione dei Comuni che gravitano intorno all’area di Piano Lago. L’obiettivo è ambizioso e riguarda la creazione di una conurbazione tra realtà territoriali contermine sulla base di criteri innovativi dal punto di vista urbanistico ed infrastrutturale. Una moderna città-parco a sud di Cosenza capace di garantire servizi e qualità della vita, attrarre flussi (persone ed economie), valorizzare il patrimonio sociale e culturale dei vecchi borghi. Si tratta di un disegno di realtà urbana che risale a molti anni fa, ampiamente trattato su libri e giornali ma mai concretizzato per questioni politiche e campanilistiche. “I tempi sono maturi – ha spiegato il giornalista e scrittore Luigi Michele Perri, tra i fautori della iniziativa. Abbiamo il dovere di stimolare il confronto e porre in essere finalmente un programma”. Il Comitato punta infatti a coinvolgere i soggetti istituzionali ma anche i gruppi associativi favorevoli alla “scelta fusionista” in modo da accelerare la discussione all’interno di ogni singola Comunità. L’indizione di referendum consultivo darebbe ufficialità al progetto rendendone esecutivo il percorso. I Comuni che potrebbero dar vita alla nuova città del Savuto sono Figline Vegliaturo, Cellara, Parenti, Paterno Calabro, Mangone, Marzi, Rogliano e Santo Stefano di Rogliano. Gli ultimi quattro sono di fatto già uniti territorialmente. I Comitato per il Si, espressione dei cittadini, è tornato a riunirsi per accelerare il confronto e pianificare l’agenda. Al prossimo incontro è prevista la partecipazione di una rappresentanza di giovani amministratori che ha pensato di raggrupparsi per affrontare problemi o promuovere eventi a livello intercomunale.

Gaspare Stumpo

Nella foto: Mons. Vincenzo Filice e Luigi Michele Perri durante il secondo dibattito sulla proposta di unione dei Comuni.

Data: 21 marzo 2017.

Fonte: ‘Cronache delle Calabrie’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com