Trasporti. Disegno di legge sulle ferrovie turistiche, un programma anche per la Cosenza – Catanzaro*

*di Gaspare STUMPO

CROLLO demografico, crisi dell’economia, abbandono dei centri abitati: il Savuto è sempre più in difficoltà. Lo dimostrano i dati relativi alle “nuove emigrazioni” – che evidenziano una situazione sconfortante legata allo spopolamento dei paesi dell’entroterra per mancanza di lavoro e, purtroppo, anche per carenza e vetustà delle infrastrutture. Tra quest’ultime va ricordata la linea ferroviaria Cosenza-Catanzaro, che già da tempo presenta problemi. Nonostante il programma di ammodernamento della tratta Rogliano-Cosenza, sul servizio continuano a pesare le criticità di natura idrogeologica sorte lungo il percorso, in particolare tra le stazioni di Marzi e Soveria Mannelli. L’argomento è stato oggetto di discussione parlamentare su iniziativa del deputato Paolo Parentela che più volte, ricordiamo, ha denunciato la mancanza (o il ritardo) di iniziative destinate al miglioramento dello stato di salute delle infrastrutture pubbliche, soprattutto nel settore della mobilità. Quello delle Ferrovie della Calabria è uno dei tracciati più belli costruiti in Italia, sia dal punto di vista paesaggistico – ambientale che dal punto di vista architettonico. Nei giorni scorsi l’assessore del Comune di Rogliano, Teresa Cicirelli (nella foto), ha scritto una lettera al presidente della Giunta regionale della Calabria in cui ha chiesto l’interessamento dell’Ente e la predisposizione di un progetto sul “modello silano” in rapporto al disegno di legge sulle ferrovie turistiche in discussione al Senato. L’assessore ha posto l’accento sull’importanza storica e sociale della linea ferrata, quindi sull’aspetto legato alla salvaguardia e alla promozione territoriale in “chiave sostenibile” – con la sistemazione dei tratti “facilmente ripristinabili”. “Le chiedo – si legge nella missiva indirizzata a Mario Oliverio – una battaglia di civiltà per Rogliano e per l’intera Valle del Savuto”.

Data: 01 aprile 2017.

Fonte: ‘Cronache delle Calabrie’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com