Ad Acri un largo intestato alla memoria di Pierino Buffone

*di Angela FORTE

E’ STATO intitolato, nella mattinata di ieri, (sabato scorso, ndr) alle ore 10:30, uno spazio pubblico in onore di Pietro Buffone meglio noto come “Pierino Buffone”. Il posto scelto per ricordare il deputato calabrese si trova fra via Amendola, via La Pira e via Nicoletti, il posto è meglio noto come Fontana della Pigna. Una folla di gente comune, ma anche esponenti del mondo politico (nelle foto) hanno seguito l’intitolazione del posto alla sua memoria. Acri, è stata la prima città ad onorare la memoria di Buffone precedendo addirittura la sua città natia, Rogliano. A ricordare il deputato, nato nel 1918 e scomparso nel 2013, una folla di gente comune ma anche esponenti del mondo politico. La celebrazione è stata presieduta dal sindaco di Rogliano, Giovanni Altomare e dal commissario prefettizio, Maria Vercillo, a seguito il corpo di polizia municipale e molte associazioni. Il deputato del popolo al servizio della gente di Calabria, così viene definito nel libro di Ferdinando Perri. Fu l’ex sindaco Nicola Tenuta a prendere l’impegno di ricordare la sua figura politica attraverso l’intitolazione di una via o di una piazza. Il luogo scelto è emblematico, si trova di fronte via Don Luigi Nicoletti, il presbitero e politico che volle fortemente Buffone candidato alla Camera dei Deputati. Ad Acri Buffone veniva spesso, aveva tanti amici e colleghi di partito. In occasione delle manifestazioni elettorali della democrazia cristiana era sempre presente e con grande grinta pronto a dare battaglia. Se c’era lui le piazze erano piene, riusciva in questo come pochi altri politici. Buffone raccoglieva, infatti, numerosi consensi elettorali sia ad Acri centro che nelle frazioni. Don Pierino era comunque per tutti, un grande oratore, dotato di spiccata intelligenza e di grande senso umano, sempre sorridente, così lo hanno ricordato nella cerimonia di ieri. Buffone non ha mai guardato, alla differenza fra Destra e Sinistra, la porta di casa sua, ripeteva sempre, era sempre aperta per tutti. Buffone, nella sua intensa attività è stato, fra l’altro, colui che volle fortemente il Centro Visite del Cupone, oggi, una struttura che tutti i Parchi Nazionali Italiani ci invidiano. Molte le intuizioni di questo grande uomo che amava la sua terra, tanti gli eventi in cui ha avuto un ruolo di primo piano ed a cui ha dato risalto grazie alle sue brillanti intuizioni.

Data: 14 aprile 2017.

Fonte: ‘Cronache delle Calabrie’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com