Fare inclusione a scuola con il progetto “Sorrisi” all’Istituto comprensivo di Rogliano – scuola primaria di Marzi, promosso dall’associazione Fantàsia

FARE INCLUSIONE tra i banchi di scuola attraverso le storie scritte a più mani da circa cento bambini di diversi istituti comprensivi calabresi. E’ questa la scommessa vincente del progetto “Sorrisi” che si è concluso presso l’Istituto comprensivo di Rogliano, scuola primaria Marzi, e ha coinvolto i più piccoli (nella foto) in un laboratorio basato sul gioco e l’improvvisazione creativa con l’obiettivo di dare vita a brevi racconti con parole, disegni e personaggi originali ideati in classe. L’iniziativa, alla sua quarta edizione promossa dall’associazione Fantàsia, in collaborazione con la casa editrice La Rondine, è stata sostenuta dalla Regione Calabria, nell’ambito delle attività finanziate dalla legge regionale per il diritto allo studio, e ha coinvolto anche altri quattro istituti comprensivi di ciascuna provincia: l’IC “Don G. Maraziti” di Marcellinara (Cz), l’IC “Giovanni Falcone – Paolo Borsellino” di Caulonia (Rc), l’IC “ di Serra San Bruno “e l’IC “A. Tedeschi” di Serra San Bruno (Vv) e l’IC “Abate Fabio D Bona” di Cutro (Kr). La squadra dell’associazione – guidata dal presidente Leonardo Ruffo, musicista e assistente sociale, affiancato dall’operatore teatrale Serafino Mazzei e dal grafico Antonio Spadaro – grazie anche all’ausilio degli strumenti digitali ha reso partecipi i più piccoli di un percorso significativo all’insegna dell’ascolto e della condivisione. Il laboratorio ha offerto un’opportunità preziosa di collaborazione e sinergia tra dirigenti, insegnanti e alunni delle cinque scuole primarie calabresi coinvolte grazie alle sue metodologie didattiche ed educative originali e accattivanti.

Anche il dirigente scolastico Aldo Trecroci, ben supportato in classe dalla maestra Manuela Policicchio, ha messo in risalto la validità di un progetto che si sposa con le altre attività promosse durante l’anno volte ad educare gli alunni alla lettura e alla scrittura. Il valore aggiunto del progetto “Sorrisi” è stato, inoltre, quello di coinvolgere direttamente i più piccoli nella realizzazione, work in progress, dei racconti attraverso la trasformazione dei disegni dalla carta al digitale in un percorso in grado di coniugare tradizione e innovazione. L’elaborato realizzato dagli studenti dell’IC Rogliano andrà, dunque, ad integrarsi con quelli prodotti dai coetanei degli altri istituti calabresi partecipanti dando vita ad una serie di veri e propri e-book. I risultati finali saranno illustrati in occasione di un evento pubblico che si terrà il 5 giugno presso la sede della Cittadella Regionale a Catanzaro alla presenza dell’assessore alla Pubblica Istruzione, Federica Roccisano.

Data: 24 maggio 2017.

Fonte: Istituto comprensivo di Rogliano, scuola primaria Marzi.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com