Successo per “Cuti in Festa”. Mercatini, arte, gastronomia e addobbi floreali. In esposizione anche opere di Michele Metallo

UN OTTIMO successo di pubblico per una manifestazione piena di colori, odori, musica e sapori. “Cuti in Festa” – ovvero, una giornata all’insegna della spensieratezza con “tocchi” di arte e cultura a cui hanno fatto da cornice numerosi spazi dedicati alla gastronomia e all’artigianato locale. Un percorso all’interno del centro storico, nell’antico quartiere roglianese, reso ancora più suggestivo dall’addobbo di fiori lungo le scalinate, tra i vicoli e sui balconi della case. Tutto è sembrato ameno, accogliente, a tratti rilassante, complice la bella giornata di sole che ha permesso ai visitatori di apprezzare l’ambiente quindi le proposte che Franca Gerace ha messo in cantiere grazie alla collaborazione di Antonio Simarco, Ida Torchia, Maria Sicilia e Rosetta De Fazio. Un programma apprezzato anche per l’idea dei mercatini all’aperto e per le esposizioni di pittura e scultura che hanno segnato la  presenza di numerosi artisti cosentini. L’iniziativa ha permesso la fruizione, all’interno della Casa delle Culture, delle mostre “A(l)rterniamoci per ricostruire …” – che comprende opere realizzate da Carlo Levi, Pablo Picasso, Giovanni Fattori, provenienti dal museo di Preta, frazione di Amatrice – e di Michele Metallo, pittore torinese di origine roglianese, molto conosciuto ed apprezzato per la versatilità delle sue tecniche pittoriche. Metallo, ricordiamo, ha realizzato quadri di grande valore artistico nei quali, molto spesso, ha ritratto i luoghi della sua giovinezza. “Cuti in Festa” è stata la giusta occasione – a cura della ‘Filodrammatica Vincenzo Gallo’ – per ricordare le figure di Carmelo Torchia, Mario Lico e Carmelo Fontana.

Gaspare Stumpo

Data: 15 giugno 2017.

“Cuti in festa …” (a Franca Gerace)

*di Antonio SIMARCO

Dal cavo giunge nitida la voce
Dopo gli squilli, pronta alla risposta
Sento già la sua voce a tutta forza
Mente con suono chiaro ed armonia
Te parra cu si fossi menzu a via
Antonio… sono franca , signu a dui misi sua e disperata
E a stu momentu cu na grasta arrazzata.
Signu partuta propriu e supra cuti
Aiu giratu i vichi e le vinelle
No sua ma ccu se amiche quatrarelle
Chi m’hannu datu a forza e ire avanti.
Chi vidi a nu momentu a vasciu cuti
Tantu de rose chi ce aiu arrazzatu
Ca I cani un c’è hannu mancu cchiu cacatu
Ad ogne casa e puru ogni catoi
Ce sunnu grasta e fiori russi e gialli
Ce sunnu cucuzzelli e puru talli
Ce sunnu assai radici e puru erbette
Ce para propriu a Fera e San Giuseppe
A tutti aiu arrinatu e cummannatu
Cu tutti nu ribellu e na questione
Per fare a vasciu cuti un figurone
Aiu puizzatu catoi e puru scale
Ppe pocu nun m’au purtatu allu spitale
Ca pe puizza ‘i vignani e le cunette
Aiu divacatu a tutti le sacchette
E Scale du comune le affinate
Pure le scarpe ce aiu cunsumate
Cu Ida appressu cumu segretaria
A sinnacu e assessuri aiu finitu
A tutti aiu circatu puru l’aria,
E tutte e vecchiarelle de ste rughe
Si ce su dedicate propriu cu attenzione
C’ alli biglietti ci au lassatu la pensione
Tutte annu cacciatu graste mmenzu a via
Ce para lu quarteri e porta pia
Un manca nente , musica e poesia
Puru u teatru de Santa maria
Chi a gente sinne goda menzu a via
E puru a mostra e quatri de metallo
C amu cunzatu supra i piedistalli
E po pitturi artisti e sonaturi
Crustui surache ciciari e spezzatino
E pe brinda puru bonu vinu,
De domani po me chiuda, na misata
Ca l’aiu fatta bona la ncuata
E supra e sutta cumu na dannata
Ma l è voluta fare sta iurnata
Ca mo signu contenta ed apprezzata
E pe natr annu l esperienza N avimu guadagnata .
A dedicu sta festa a tutti amici
E si né Tegnu, puru alli nemici
E brindi cu lu vinu e dui auici
Chi sianu belli brilli ma felici

*poeta, attore e regista

Data: 15 giugno 2017.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com