Calvelli (Idm): “il Ponte di Calatrava rimarrà nella storia della città di Cosenza quale patrimonio indiscutibile”

COSENZA ha vissuto, con il Ponte di Calatrava (nella foto), una domenica speciale. E’ l’unica cosa che conta in tempi in cui la Calabria ha ben poche cose per cui gioire. E’ stata realizzata un’opera che rimarrà nella storia della città quale patrimonio indiscutibile.

Spiace pensare che la gioia non sia unanime come sempre avviene quando steccati partitici e posizioni preconcette prevalgono su di un sano sentimento di appartenenza alla propria città prima di tutto. Occorre riscoprire un senso di cittadinanza pura, non inquinato, capace di riconoscere la bontà delle realizzazioni nel deserto di immobilismo amministrativo che esiste in Calabria, pronto a profondere energie ed impegno per il proprio territorio più che a negare o attribuirsi meriti. Questo male della politica calabrese deve avere i giorni contati, per IDM la “territorialità” è l’unica strada percorribile ed oggi occorre gioire per l’opera realizzata a Cosenza, chiunque l’abbia pensata, chiunque l’abbia realizzata.  Il plauso ad un sindaco (Mario Occhiuto, ndr) che fa la cosa giusta non sminuisce coloro che hanno una posizione politica diversa, anzi. E’ il modo corretto e saggio di interpretare la politica per quella che deve ritornare ad essere, uno strumento per interpretare i bisogni delle popolazioni e cercare di migliorarne il futuro. Così, in una nota, la responsabile di IDM Cosenza, Fabiana Calvelli, a proposito della realizzazione, a Cosenza, dell’opera del grande architetto e ingegnere Santiago Calatrava Valls.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com