Don Giuseppe Trotta è il nuovo parroco di Bianchi e Colosimi: “Cristo edifica la Chiesa attraverso i sacerdoti”

UNA CHIESA gremita, il sindaco Tommaso Paola, il vice sindaco Angelo Francesco Perri, i fedeli e la Comunità di Bianchi domenica scorsa alla presenza di don Luca Perri, vicario episcopale della Diocesi Cosenza-Bisignano, nella parrocchia “San Giacomo Apostolo” hanno accolto festosamente il nuovo parroco di Bianchi e Colosimi, don Giuseppe Trotta. Il giovane parroco (28 anni) prende il posto di don Serafino Bianco, direttore del Coro diocesano, assegnato alla parrocchia San Giorgio e San Pietro in Rogliano. Don Serafino ha retto la parrocchia di Bianchi per sette anni e negli ultimi tempi ha curato anche la Parrocchia Santa Maria Assunta di Colosimi, già segretario particolare di mons. Nolè e dell’emerito vescovo, mons. Nunnari. Nel corso dell’omelia don Luca ha invitato tutti alla fratellanza e all’amore e aggiunto <<i preti sono nominati perché la Chiesa nasce dall’alto e nessuna Comunità si sceglie il parroco. E’ il vescovo che manda il parroco, questo il mistero della Chiesa. Non siamo noi a scegliere, ma siamo stati scelti e mandati, non per portare noi stessi, ma è Cristo che edificala la sua Chiesa attraverso i parroci>>. La presentazione ufficiale del giovane e dinamico don Giuseppe, già noto alla Comunità biancara per aver collaborato negli ultimi tempi con don Serafino, le suore e svolto sul territorio di Bianchi insieme ai giovani alcune iniziative culturali-ricreative, come il Grest e i ritiri, ha inorgoglito la Comunità cristiana e l’intero paese dell’Alto Savuto, avendone già apprezzato le grandi doti di “predicatore, comunicatore, organizzatore, e spirito d’accoglienza e fraterno per giovani e anziani”. A rendere onore e abbracciare don Giuseppe, accompagnato per l’occasione dai genitori e familiari giunti da Paola, paese natio di don Giuseppe, tanti giovani e il coro parrocchiale che con le voci soavi dei coristi ha deliziato e reso ancor più partecipata la Santa Messa. Visibilmente emozionato, nel prendere la parola don Giuseppe, ha ringraziato mons. Nolè per <<la nomina e la fiducia>> – e a don Luca, rinnova la sua <<riconoscenza e la sua stima quale professore, maestro e amico fraterno>>. Aggiunge un grazie a don Serafino <<per quanto ha saputo insegnare con sapienza e dedizione>>. Ringrazia la famiglia per averlo aiutato e supportato nella sua scelta di servire la chiesa. Infine a suor Elena e suor Luisa per come l’anno accolto in questi anni, al coro, ministranti malati e fedeli tutti e agli amministratori. don Giuseppe auspica una nuova stagione per realizzare e rendere la Comunità accogliente e vivace. Il sindaco Tommaso Paola, ringrazia don Giuseppe per il suo dinamismo, presenza e l’amore verso la Comunità e soprattutto per la disponibilità e accoglienza dei giovani.

Pasquale Taverna

Data: 13 settembre 2017.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com