Copertine internazionali, televisione e testimonial per marchi importanti.  A tu per tu con la modella Inés Trocchia *

* di Omar FALVO

BELLA, bellissima, sguardo disarmante e letteralmente “mozzafiato” –  occhi castani, intelligente e con le idee ben chiare su dove arrivare, Inés Trocchia (nella foto di Playboy) è tutto questo e non solo. Una ragazza del Sud, nata in provincia di Napoli, che sta conquistando apprezzamenti in tutto il mondo. La talentuosa Inés muove i primi passi nel mondo della moda a  18 anni nel Napoletano, per poi approdare a Milano. Con sacrificio, coraggio, grinta e soprattutto tanto studio sta ottenendo riconoscimenti prestigiosi nel campo della moda. In queste giorni è sulla copertina di Playboy Portogallo, la prestigiosa rivista fondata da Hugh Hefner.  Con una semplicità che sbalordisce ha deciso di concederci questa piacevole chiacchierata telefonica. Conosciamola meglio

-I tuoi primi passi nel mondo della moda? Ho iniziato a 18 anni, sai uno stilista  campano vide  le mie foto su Facebook. Pensa che non avevo foto professionali, ma erano molto semplici. Con lui ho iniziato le prime esperienze nel campo della moda. Piano pino la cosa è fortemente cresciuta.  Dopo circa un  anno di lavoro  nel Napoletano  ho deciso di trasferirmi a Milano, tramite un’agenzia che mi aveva preso.

-Un consiglio per le tante ragazze che vorrebbero intraprendere questa strada? Il consiglio che mi sento di dare è quello di lavorare molto duro. In tanti credono che basti solo la bellezza: non è sufficiente. Ci vuole anche una forte costanza e,  soprattutto, non bisogna mai arrendersi. Sai Omar, saranno di più le persone che non crederanno  in te,  rispetto alle persone che ti daranno fiducia. 

-Il trucco del successo? Penso che bisogna essere sempre se stessi e anche un poco umili. Oggi si ricerca troppo la perfezione. Meglio  un difetto che sia nostro rispetto a troppa omologazione.

-Una delle esperienze più belle per te? Sicuramente quella di poter lavorare a Los Angeles, con grandi professionisti. 

-Dalla provincia di Napoli a Los Angeles, emozionante? Allora sono nata a Nola, in provincia di Napoli.  Arrivare a Los Angeles è stata una cosa bellissima. Non ci credevo (sorride ndr). Poter lavorare con fotografi di altissimo livello è stato emozionante.  Da piccola leggevo le riviste e trovarmi ad essere la testimonial di marchi  importanti  è stata una cosa sorprendente.  

-Impegnata anche in Tv, cosa puoi dirmi a proposito? Ho fatto delle cose sia per  Mediaset che per la Rai.  Sono anche su Sportitalia  nel programma “Calciomercato” e su Rai sport per il programma “Speciale Calciomercato” (sorride ndr).

-In questi giorni stai festeggiando la tua copertina su Playboy Portogallo cosa puoi dirmi? Guarda sono felicissima di questo traguardo, spero sia solo l’inizio (sorride ndr).  Sin da piccola mi è sempre piaciuto il mondo di Playboy. Questo è un  numero storico dedicato alla morte del fondatore Hugh Hefner. Mi dispiace tanto per la  sua scomparsa,  avrei voluto conoscerlo personalmente. Sono felicissima però  di avere la copertina di ottobre nel numero dedicato a lui. 

-Vuoi trasferirti in Portogallo? (Sorride ndr). Voglio continuare a lavorare in Italia.

-Descriviti con un aggettivo. Coraggiosa (sorride ndr).

-E uno per il mondo della moda? Difficile (riflette ndr). Bisogna sempre lavorare e mai accontentarsi, sto studiando, vorrei espandermi nel mondo della televisione e anche del cinema. Lavorare come modella per me è una vetrina, studiando e migliorando spero di poter dimostrare che una donna che lavora come modella può avere anche altre qualità. Grazie Omar per la tua gentilezza

Grazie a te Inés e buon lavoro.

Data: 21 ottobre 2017.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com