Rogliano, clamoroso furto in pieno giorno. Ladri in azione in via Oreste D’Epiro: nessuno vede, nessuno sente

NESSUNO ha visto, nessuno ha sentito, nessuno si è insospettito di nessuno. Il furto perpetrato nei giorni scorsi a Rogliano, in via D’Epiro, ha dell’incredibile, non foss’altro per le dimensioni ed il peso della refurtiva: un armadio di legno contenente un vecchio fucile (e qualche gioiello) ancorato al muro, del peso di una ottantina di chili, sigillato e di difficile trasporto. Come hanno fatto (i ladri) a passare inosservati (in pieno giorno) in una zona quasi centrale della città posta lungo la via Regina Elena, interna ma trafficata anche per la presenza di un istituto scolastico, resta un mistero. O quasi. Ad agire, nella circostanza, è stato quasi sicuramente un gruppo ben organizzato di persone, che ha deciso di entrare all’interno dell’abitazione dopo aver monitorato i movimenti della famiglia che in buona parte, a quell’ora, si trovava fuori sede. Lo ha fatto andando come si suol dire “a colpo sicuro” – scavalcando il muro di cinta per poi introdursi nell’alloggio con l’obiettivo di prelevare una fuciliera probabilmente “già adocchiata” e allontanarsi con fare (forse) normale nonostante le difficoltà logistiche dovute in buona parte all’altezza della recinzione. L’episodio è accaduto sabato scorso, nel primo pomeriggio, ad opera di ignoti. La refurtiva, oltre al mobile è costituita da un fucile (regolarmente detenuto) e qualche prezioso. Un valore soprattutto affettivo quello della merce sottratta. Per il resto, solo rabbia dovuta alla violazione della privacy e al modo in cui è avvenuta la ruberia. Una brutta storia. Che deve far riflettere la Comunità! Indagano i Carabinieri.

Gaspare Stumpo

Data: 08 novembre 2017.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com