Meteo in Calabria. Vortice ciclonico sul Mediterraneo, allerta maltempo sulla regione in particolare sul versante Ionico

COME preannunciato nell’articolo di ieri, al quale rimandiamo per ogni dettaglio, il vortice ciclonico che ha preso vita nel pomeriggio di martedì sui bacini ionici siciliani seguendo una traiettoria curva in retrogressione verso est sul Tirreno e poi in discesa sul Canale di Sicilia, proprio in queste ore della mattinata di giovedì 16 novembre, si trova col suo minimo di circa 1005 hPa, poco a sud della Sicilia, come mostrato dalla sinottica seguente (si veda la lettera L (low) in rosso in basso):

Tale vortice sta rinvigorendosi a causa ad alcuni fenomeni che abbiamo trattato nell’articolo suddetto; e proprio a causa di tali fenomeni sta assumendo sempre di più i connotati di un temibile ciclone tropicale in un processo denominato tropical transition. L’immagine del satellite METEOSAT a colori naturali (*) delle ore 10:00, riportata in copertina (sulla quale vi invitiamo a cliccare per ingrandire e godere di questo inquietante spettacolo naturale), mostra come il vortice stia iniziando a mostrare un abbozzo dell’aspetto caratteristico di tali cicloni tropicali: un occhio sgombro da nubi intorno al quale bande di nubi cumuliformi ruotano in senso antiorario (nel nostro emisfero).

L’occhio attuale in realtà è ancora molto incerto e semi-invisibile, mentre le bande di nubi ruotano in maniera spiraleggiante: ma i processi di tropical transition sono in pieno atto, quindi sarà bene monitorare l’evoluzione con frequenza, visto che tali fenomeni sono del tutto imprevedibili.

Lo scenario più plausibile, comunque, sembra quello di un vortice sempre più in approfondimento ma che dovrebbe essere relegato in mare aperto, sullo Ionio, a metà strada tra le coste ioniche calabresi e quelle greche apportando sulla nostra regione maltempo, soprattutto dal pomeriggio di oggi e in particolar modo sui versanti ionici, ma senza eventi disastrosi.

In ogni caso data, ripetiamo, l’alta imprevedibilità di tali sistemi, invitiamo tutti i nostri utenti a seguire i prossimi aggiornamenti sempre su www.meteoINcalabria.it.

(*) immagine che si avvale di tre canali solari: VIS0.6, VIS0.8 e NIR1.6. In questo schema di colori la vegetazione appare verdastra. Le nuvole con piccole gocce hanno grande riflettanza su tutti e tre i canali e quindi appaiono biancastre, mentre neve e ghiaccio così come le nuvole composte da particelle ghiacciate appaiono ciano perché il ghiaccio assorbe fortemente nel canale NIR1.6. La nuda terra appare marrone a causa della riflettanza grande nel canale NIR1.6 e VIS0.6; l’oceano appare nero a causa della bassa riflettenza in tutti e tre i canali.

Data: 16 novembre 2017.

Fonte: meteoincalabria.it (a cura di Fabio Zimbo).

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com