Progetto Rostema, costituito l’esecutivo. Nota del Comitato civico che vuole l’Unione dei Comuni della cintura roglianese

DA QUALCHE mese è attivo il Comitato civico “Rostema” – che si batte per la istituzione del Comune Unico tra Rogliano (Ro-), Santo Stefano (ste-), Marzi e Mangone (ma). E’ stato costituito un esecutivo, di cui fanno parte: monsignor Vincenzo Filice (presidente) e (in ordine alfabetico) Carmelo Altomare, Pina Oliveti, Luigi Michele Perri, Roberto Rogato e Antonio Simarco. Il Comitato ha esposto le proprie tesi, che partono dalla necessità di dover dare una risposta strategica comune, unitaria e univoca, al declino demografico e socioeconomico di questo hinterland e all’assenza di una progettualità di sviluppo organico del territorio e di crescita comunitaria. Due gli obiettivi immediati più evidenti: il contenimento della spesa pubblica attraverso l’accorpamento e la razionalizzazione dei servizi e i conseguenti vantaggi sull’abbattimento di tasse e imposte; la regolazione della espansione urbanistica (attualmente abbandonata al disordine dei particolarismi e dei piccoli interessi) e della conurbazione in atto da decenni, fenomeno che ha praticamente legato i territori comunali in una sola area urbana (sconnessa e inefficiente). In terzo luogo, una città superiore ai diecimila abitanti potrebbe rivendicare presidi e servizi (ospedale e strutture sanitarie, scuole superiori, parchi e impianti sportivi, infrastrutture) propri di una realtà municipale così popolosa. E’ vero che ci sono resistente retrograde e campanilistiche, ma è altrettanto vero che il municipalismo esasperato, vieto vecchiume dello status quo, non può pregiudicare il futuro delle nuove generazioni e il presente di una Comunità che vuole finalmente elevare i livelli della qualità della vita nella propri zona di residenza.

Data: 10 dicembre 2017.

Fonte: Rogliano – Piano Lago: la città che verrà (grupo attivo anche su Facebook).

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com