Il giovane Luigi Ponterio finalista al prestigioso concorso letterario “Salva la tua lingua locale”

Il dialetto carpanzanese conquista la Capitale

 

Il calabrese Luigi Ponterio, nei giorni scorsi, è stato premiato al prestigioso concorso letterario “Salva la tua lingua locale”, incassando diversi apprezzamenti con il suo libro “Il Carpanzanese tra versi e teatro”.  Ponterio, originario del piccolo borgo di Carpanzano in provincia di Cosenza, ha acceso i riflettori sul dialetto del suo territorio, durante le fasi della premiazione alla prestigiosa Kermesse. Un pregio culturale per tutto il territorio della valle del Savuto e per l’intera Calabria. La premiazione si è svolta a Roma presso la Sala della Protomoteca del Campidoglio, alla presenza del giornalista Massimo Giletti. “Una vera e propria soddisfazione per me, che sicuramente mi porterà maggiori motivazioni per proseguire con la mia passione per la scrittura”, queste le prime parole di  Luigi Ponterio. “Ho voluto intendere due significati: carpanzanese è la donna, l’uomo, che attraverso il vivere la vita, seppur interpretata da personaggi immaginari descrivono scorci di un tessuto sociale in cui ho vissuto o mi hanno raccontato. Carpanzanese è anche un dialetto, un modo di esprimersi, di raccontarsi, di comunicare”, ha concluso Ponterio per spiegare il significato del titolo della sua opera.

Omar FALVO

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com