Calcio, il Punto sulla Lega Pro *

*Il punto sulla Lega Pro (di Gigi SIRIANNI)

– Campionato di Serie C, girone C – 27esima giornata:

Nel Girone C di Lega Pro, troviamo quattro squadre calabresi. Le più vicine a noi sono il Cosenza e il Rende Calcio 1968, ma sono presenti anche il Catanzaro e la Reggina 1914. Il Rende scende dal sesto al settimo posto, a causa della netta sconfitta, 3-0, con la Paganese quartultima in classifica.

A Pagani i padroni di casa passano in vantaggio con l’incursione in area vincente di Cuppone che infila De Brasi. Nella ripresa al 48esimo minuto ancora Cuppone entra in area calabrese e serve Ngamba che viene atterrato dal portiere cosentino. Ammonizione e rigore per gli azzurri, che trasformano con Scarpa e si portano sul 2-0. La squadra di Pagani chiude le ostilità con un goal meraviglioso di Scarpa su punizione, su cui De Brasi non può nulla, siamo al minuto 70. Al 94esimo arrivano i titoli di coda con la Paganese, che ora si trova quartultima, che batte nettamente 3-0 il Rende settimo in graduatoria, autore di una prova ampiamente insufficiente. Al nono posto e con 37 punti, troviamo il Cosenza, che questa settimana ha pareggiato 0-0 a Bisceglie, in un match valido per i play-off, tra la nona e la decima forza del girone C di Lega Pro. Nella disputa tra calabresi e pugliesi, sono i secondi a rendersi pericolosi per poter segnare, su punizione prima e su azione manovrata dopo. L’unico episodio da segnalare è un gol non convalidato ai pugliesi per fuorigioco al 72esimo, così si è arrivati al minuto 94 e le due squadre con lo 0-0, si sono spartite la posta in palio.

Scorrendo la classifica a 31 punti e al sestultimo posto troviamo il Catanzaro reduce dalla sconfitta interna, 1-2, contro il Trapani secondo in graduatoria, seppur a debita distanza dalla capolista Lecce. I primi 35 minuti della partita sono di marca calabrese, che sfiora ripetutamente il vantaggio, ma tra imprecisioni sotto porta e un vero e proprio miracolo del portiere trapanese Furlan, il Catanzaro non è riuscito a segnare. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, in mezzo alla mischia la palla rimpalla su Polidori che non il mancino infila Nordi e porta i siciliani sullo 0-1 al 40esimo, così la prima frazione si chiude con i trapanesi in vantaggio. Nella seconda frazione i calabresi partono forte e prima Furlan dice di no a una stupenda azione sulla sinistra di Falcone, poi al 50esimo non può nulla su Infantino che trasforma il rigore spiazzando il portiere e portando il match in parità. Passano soli 6 minuti e al primo ribaltamento di fronte Felice Evacuo porta sul 2-1 i siciliani con un’azione personale di pregevole fattura. Con una finta di corpo sbilancia tre difensori giallorossi e con la punta infila il portiere di casa. Al 61esimo su azione ben congegnata il Catanzaro arriva a mettere Falcone solo davanti al portiere ospite, ma da posizione molto favorevole, non inquadra nemmeno lo specchio. I giallorossi continuano imperterriti ad attaccare fino al 94esimo, quando il giudice di gara pone fine ad una partita con un risultato molto bugiardo per quel che si è visto in campo. I calabresi hanno fatto la partita e meritavano ampiamente di portare punti a casa, ma nel calcio vince chi fa un goal in più dell’avversario e quindi onore al Trapani. Sugli scudi per i siciliani, il portiere Furlan e l’attaccante Evacuo, mentre i calabresi hanno fornito una buonissima prestazione collettiva che però non gli permette di incamerare dei punti preziosi per la salvezza.

Infine la Reggina ha perso in casa 1-2 dal Monopoli ed ora ha soli 2 punti di vantaggio sulla zona play-out. La sfida tra amaranto e pugliesi, vede partire fortissimo i padroni di casa che al 17esimo trovano il vantaggio del solito bomber Bianchimano su meraviglioso cross di Armeno dalla sinistra. Il Monopoli reagisce e al minuto 34 perviene al pari con Genchi che da 30 metri scaglia un tiro imparabile all’angolino basso sinistro del portiere calabrese Cucchietti. Dopo 6 minuti ancora Genchi vede fermare la sua conclusione dal palo a portiere battuto. Nella ripresa il Monopoli attacca forte e al 75esimo con Mangni arriva il sorpasso sugli amaranto, su azione confusa in area dove i difensori calabresi sono stati estremamente ingenui ed imprecisi. Al 93esimo con più nulla da dover difendere il portiere amaranto, Cucchietti, si porta in area avversaria a saltare su un calcio di punizione ma il suo colpo di testa viene rimpallato e sulla ripartenza a porta vuota Mangni la manda alta e subito dopo il giudice di gara sancisce la fine del match. In testa al girone C della Lega Pro, troviamo il Lecce con 60 punti, che è reduce dal pari interno con il Matera e conserva 7 punti di vantaggio sulle due siciliane seconde, il Trapani e il Catania. Al momento disputerebbero i play-off, Catania, Trapani, Siracusa, Rende, Monopoli, Matera, Cosenza, Juve Stabia e Biceglie.

I play-out al momento sono ad appannaggio di Fidelis Andria, Paganese e Fondi, con l’Akragas retrocesso come ultimo in classifica, con soli 11 punti totalizzati in 28 partite.

Data: 15 marzo 2018.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com