Wild Savuto, con l’Anir alla scoperta delle bellezze storico-naturalistiche della Vallata

IL GRUPPO roglianese che fa riferimento all’Associazione Nazionale Rocciatori ha organizzato (e coordinato) la seconda edizione di “Wild Savuto” – iniziativa a scopo storico-naturalistico che ha consentito, tra le altre cose, la fruizione di una parte di tracciato delle Ferrovie della Calabria situato a monte del fiume Savuto, oggi in disuso. Giovani e meno giovani hanno effettuato una escursione (nelle foto) lungo un percorso di circa sei chilometri tra querce, ulivi, vigneti, gelsi e ginestre in territorio Rogliano-Marzi, con un dislivello medio di circa il 10%, seguendo mulattiere e tratta ferrata sino al corso d’acqua. Guidata dagli esperti dell’Anir la comitiva ha passeggiato lungo sentieri e binari, ha ammirato gallerie e caselli dismessi sino a toccare la quota del fiume per poi risalire in un’area ricca di bellezze ambientali ed architettoniche, come i vecchi ponti di epoca romana. Diverse ore a contatto con la natura prima del punto ristoro all’interno del maneggio Tucci dove una prova a cavallo ha segnato la conclusione della bella esperienza di trekking.

Gaspare Stumpo

Data: 05 giugno 2018

Fonte: ‘Parola di Vita’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com