Rogliano, nuovi disagi in località “Cutura” a causa del maltempo. Il sindaco di Parenti: “per il ponte servono risposte”

DA ALCUNI giorni il ponte-passerella di “Cutura” (nella foto) posto tra la frazione Saliano del Comune di Rogliano e il territorio del Comune di Parenti è stato – su ordinanza del sindaco di Rogliano Giovanni Altomare – interdetto alla circolazione a salvaguardia di persone e cose, riportando in essere anche una precedente ordinanza dell’ex sindaco Pino Gallo dell’anno 2008.

Chiusura del ponte disposta anche in concomitanza dei numerosi allerta meteo diramati dalla Protezione Civile calabrese. Proprio nelle scorse giornate i sindaci della Valle del Savuto, tra di loro quelli di Rogliano e di Parenti, hanno sospeso le lezioni e annullato eventi già in calendario da tempo per massima precauzione, a tutela di tutti.

Strada di grande importanza per il territorio montano, giornalmente percorsa sia da numerosi studenti che da Saliano si recano a Parenti sia dai loro familiari che nel centro parentese (che è il più vicino) trovano servizi come farmacia, generi alimentari e l’ufficio postale. Il perdurare della problematica  rende la vita difficile alle tante attività economiche che fanno da spola tra i due territori. La vertenza è dibattuta da anni con schieramenti politici e rappresentanti dell’associazionismo locale che hanno più volte sollecitato i sindaci interessati a scrivere al Governo regionale ponendo le tante istanze speranzosi di una pronta azione, ancora ad oggi inattese. “Confini territoriali e esigenze più volte evidenziate da numerose famiglie anche presso la nostra Casa comunale – ha dichiarato Donatella Deposito, primo cittadino di Parenti – non ci permettono di sottovalutare la problematica che interessa nello specifico gli abitanti della frazione Saliano. Anzi – ha proseguito la sindaca – affiancare il collega Altomare perché venga ascoltato dall’ente Regione,ponendo fine a questa annosa vicenda, oltre che a presentare in un incontro pubblico quanto si sta facendo per trovare una soluzione. Rimane ad oggi il problema scuola e servizi di prima necessità. Il territorio è abitato da anziani, a volte non auto-sufficienti, a cui non dobbiamo aumentare con disaggi di viabilità i loro problemi facendoli sentire sempre più isolati”.

Massimiliano Crimi

Data: 09 ottobre 2018.

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com