“Essere donna. La forza della differenza”. A Rogliano un convegno promosso dall’associazione “RinnovaMenti”

“Essere donna. La forza della differenza”. Tema della manifestazione svoltasi in occasione del 25 novembre – Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne – presso la Sala consiliare promossa dal Comune di Rogliano in collaborazione con l’associazione “RinnovaMenti”. Ad affrontare il tema di grande valore umano e sociale sono intervenuti Velia Aiello, presidente dell’associazione RinnovaMenti, Antonio Simarco, delegato alla Cultura, Antonietta Russo e Teresa Ciciarelli, assessore, e il sindaco Giovanni Altomare. Un incontro (nelle foto) molto partecipato in presenza di uomini per testimoniare solidarietà alla donna. Spinti dal motto che campeggia sulla locandina “Nessuno, di fronte alle donne, è più arrogante, aggressivo e sdegnoso dell’uomo malsicuro della propria virilità” (Simone de Beauvoir) si è parlato delle violenze e angherie che la donna subisce, sia nelle mura amiche che nella società così detta “civile”.

Il sindaco Altomare sottolinea che Rogliano è un paese aperto al dibattito e al dialogo su temi sociali e si complimenta per a la passione degli organizzatori e infine ribadisce di non condivide la legge di parità di genere nelle elezioni regionali. Per Simarco, il tema è forte e toccante da sempre, ma che negli ultimi anni registra un amento di violenze e soprusi sulle donne e invita queste a trovare il coraggio di denunciare. Russo propone di ripartire dalla famiglia e dalla scuola con lezioni di educazione alla non violenza. Il presidente del Rotary club Rogliano VdS, Pietro Rizzuto, impegnato in altra attività sociale ha inviato un suo rappresentante per esprimere la sua solidarietà personale e quella del club a tutte le donne oggetto di maltrattamenti e violenze. Concetti questi, che hanno trovato spazio e condiscendenza negli intervenuti al dibattito dal quale è emerso l’insostituibile ruolo dell’essere donna, e soprattutto madre, moglie, instancabile lavoratrice, qualità che rende la donna unica nel suo genere.

Opinione comune che ogni donna dovrebbe esserne più consapevole del suo ruolo, segno tangibile di distinzione, originalità, creatività e fantasia. Dell’essere donna, è stato sottolineato la propria autonomia, il valore, ricchezza e rifiutare con forza i modelli “di donna immagine, oggetto” cucito da una società “malata e maschilista”.

Pasquale Taverna

Data: 01 dicembre 2018.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com