“Scaricabarile inaccettabile, la lotta degli ex Lsu-Lpu calabresi e’ la nostra lotta”. Nota del Partito Comunista: “stabilizzare i lavoratori”

IN UN DOCUMENTO diffuso nella tarda giornata di ieri il Partito Comunista è intervenuto nella discussione relativa alla vertenza che in queste ore sta interessando il comparto calabrese degli ex lsu-lpu che rivendicano il rinnovo del contratto di lavoro in scadenza il 31 dicembre 2018. I comunisti hanno definito “inaccettabile lo scaricabarile tra il Governo Lega-M5S e i partiti di opposizione come PD e Forza Italia nel rimpallarsi le colpe senza mai assumersi le responsabilità dei loro danni”. Il PC ha posto l’accento sulle “folli regole di Bilancio UE che impongono tagli e austerità” – sottolineando i timori che si stanno vivendo in questi anni in Calabria per quanto concerne il lavoro e la tenuta sociale a svantaggio di intere generazioni. “Il Partito è fatto da donne e uomini che vivono ogni giorno la lotta per garantirsi il futuro. Siamo lavoratori – conclude la nota – sfruttati, precari, disoccupati e studenti e la lotta degli (ex, ndr) Lsu-Lpu e’ la nostra lotta: chiediamo l’assunzione a tempo pieno e indeterminato per tutti con la garanzia e la storicizzazione dei fondi a Bilancio per gli (ex, ndr) Lsu-Lpu e per assicurare al popolo i servizi essenziali”.

Data: 18 dicembre 2018.

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com