Parenti, il sindaco richiama l’attenzione sullo stato della viabilita’ locale. “Cittadini penalizzati”

Sp 242 ex SS 545. E’ la strada di collegamento per il territorio del Comune di Parenti. Ancora una volta il primo cittadino Donatella Deposito richiama l’attenzione sul tratto della pavimentazione sconnessa e piena di buche – a tratti ridisegnata a causa di smottamenti del terreno – la cui precarietà è acuita nel periodo invernale da ghiaccio, pioggia e nevischio e sulla quale l’assenza di manutenzione ordinaria non consente un regolare deflusso delle acque. “Viabilità ordinaria precaria e fortemente a rischio” – decisa l’azione del sindaco, che ritorna sull’argomento strade: “devo garantire la sicurezza pubblica, Parenti non può essere isolato dal resto del Comprensorio. I miei concittadini non possono attendere decisioni dall’alto, ne va dell’incolumità, della salvaguardia alla salute, del pubblico servizio”.

Quotidianamente, ricordiamo, il tratto interessato viene percorso oltre che da numerose autovetture private, dai bus di collegamento per pendolari e studenti ma anche da numerosi mezzi da lavoro e trasporto merci nonché dalle ambulanze. Pertanto il problema, come chiesto dalla Deposito, deve immediatamente interessare gli organi competenti locali e regionali, ma anche il Ministero Infrastrutture e Trasporti: “l’ unico riscontro ricevuto – sottolinea il sindaco in una nota – è relativo all’intervento eseguito parzialmente sul tratto Parenti-Bocca di Piazza. In data 12 luglio 2018 è stato inviato un dossier presso l’ufficio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. E’ intenzione dell’Amministrazione richiedere formalmente il ritorno di competenza della SP 242 ad Anas. Risale alla mattinata di oggi, 30 gennaio, l’ultima pec che da Sindaco ho inviato per interessare chi di dovere oltre a rimarcare ancora una volta la problematica esistente”. Le competenze delle strade, il dover ridefinire anche chi deve attivarsi per manutenzione e ripristino, è cosa urgente che investe numerose cittadine e borghi calabresi. In alcune occasioni come su Parenti, fa sapere ancora il sindaco, in località “Noce” – a monte del borgo presilano, è allocato un centro di manutenzione operativo Anas. È paradossale che un ente locale ospiti un centro Anas e le strade (prima di appartenenza Anas) che attraversano in gran parte il suo territorio siano di proprietà di un’altro Ente che non riesce a gestirle adeguatamente. Incongruità e bizzarre situazioni tra enti e  ogni qual volta si presenta il problema d’intervento di manutenzione o operatività per il ripristino della viabilità. Serve così – non solo nell’interesse del piccolo comune – che Provincia, Regione, Governo centrale aprano un urgente tavolo per arrivare ad una soluzione; la viabilità non può funzionare a fasi alterne o nella speranza che splenda sempre il sole.

Massimiliano Crimi

Data: 30 gennaio 2019.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com