Il Gruppo Consiliare Roglianoditutti replica alle dichiarazioni della minoranza Esserci per Fare. “Ossessione oppositiva”

“Parliamo degli ultimi tre giorni di gennaio, quando si registrano le temperature più basse, tanto che, secondo la leggenda, la merla dal bianco piumaggio, per riscaldarsi, si riparò in un camino e il suo manto divenne grigio per la fuliggine. Parafrasando questa leggenda, a Rogliano, stiamo assistendo ai tre giorni della

“Guzzo” che per riscaldarsi cerca di aumentare la temperatura dello scontro politico lanciando dardi avvelenati all’indirizzo del sindaco Giovanni Altomare. “Altomare si dimetta” è il solito refrain che periodicamente riempie le giornate della nostra consigliera di opposizione che ieri sosteneva:”… siamo ancora curiosi di sapere che fine farà il Giudice di Pace per il cui mantenimento (o meglio il mantenimento dei suoi collaboratori) i roglianesi stanno spendendo fior di quattrini. Ricordiamo che il vice sindaco è anche delegato al Personale … sarà forse in atto un conflitto di interessi?” mentre oggi, avvitandosi su se stessa, cambia radicalmente posizione.

Da sempre abbiamo consigliato alla consigliera (permetteteci la cacofonia), proprio per evitarle brutte figure e gaffe, di informarsi bene prima di spararle grosse. Così facendo, magari, avrebbe scoperto e appreso che è stata approvata la delibera del fabbisogno del personale per cui occorre rispettare tutta una serie di limitazioni imposte dal Ministero. Avrebbe appreso che tale delibera è stata sottoposta all’approvazione dalla Cosfel, confermando venti unità e non novanta (sic!). Ma c’è anche da far notare che i dipendenti comunali di ruolo di categoria C (inquadramento necessario per poter svolgere il ruolo di cancelliere) si contano sulle dita di una mano. Ne consegue che, pur con ogni sforzo, l’Amministrazione comunale non può, né deve sguarnire gli uffici comunali. Come c’è da sottolineare, al di là di ogni strumentalizzazione, la portata del problema che vivono realmente gli ex Lpu/Lsu ancora non contrattualizzati unicamente perché in attesa dell’autorizzazione della Cosfel e dello stanziamento del Governo. E c’è da rendersi conto, come responsabilmente dovrebbe fare la consigliera, che l’esternalizzazione di alcuni servizi è inevitabile nei molti casi in cui sono richieste specializzazioni particolari. Non dovrebbe sfuggire, con l’applicazione di un minimo di lucidità e di onestà intellettuale, che questa Amministrazione e quelle precedenti si sono viste costrette alla esternalizzazione di alcuni servizi (spazzamento e raccolta rifiuti, mensa scolastica, asilo, manutenzioni varie, servizi alla persona ADI, SAD ecc…) per la più assoluta impossibilità di gestioni dirette a causa di mancanza di personale e/o di mezzi adeguati. Allo stesso modo, non dovrebbe sfuggire che le esternalizzazioni producono un indotto occupazionale tale da garantire un minimo di reddito, non già ai milanesi (“Rogliano non è Milano” cit.), ma ad alcuni dei 5782 cittadini della nostra Rogliano.

E’ evidente che l’ossessione oppositiva della consigliera non le consente di avere le idee chiare sulle procedure che una buona amministrazione deve seguire, ma la induce a raccogliere tutta una messe di argomenti per farne un accumulo indiscriminato, tanto da accanirsi addirittura contro tutti, ma proprio tutti gli uffici del Comune con accuse, neanche troppo velate, di inefficienza.

Rogliano ha bisogno di una minoranza vigile, attenta, che non faccia sconti ma che sia propositiva almeno nelle battaglie che non hanno colore politico, come in quella del mantenimento della sede del Giudice di Pace. Anziché dare lezioni dall’alto d’una supponenza degna di miglior sorte, anziché mistificare e strumentalizzare, questa opposizione si metta a disposizione del paese per battersi con la dovuta consapevolezza e contribuire alla validità delle scelte in linea con gli interessi generali della collettività. La consigliera continua a seguire le tracce della sua campagna elettorale, le stesse che le sono costate una cocente e frustrante bocciatura, una sconfitta solenne da cui mostra di non sapersi riprendere.

Il Gruppo Consiliare “Roglianoditutti”, nel respingere le dichiarazioni di che trattasi, esprime massima solidarietà al Sindaco e massima condivisione sulle scelte operate da lui e dall’Amministrazione nel quadro di un’azione che sta sempre più assicurando buon governo ed efficienza dei servizi tutti. La capacità e l’esperienza del Sindaco Altomare rappresentano le migliori garanzie per la crescita e lo sviluppo di Rogliano”.

Data: 01 febbraio 2019.

Fonte: Gruppo Consiliare “Roglianoditutti”.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com