Novac Supercap, la startup Italiana formata da cinque giovani. Nel gruppo anche un calabrese: il marzese Aldo Girimonte

Matteo Bertocchi, Alessandro Fabbri, Loris Bruzzi, Francesco Calabrese e Aldo Girimonte (nella foto). Cinque giovani ragazzi provenienti da realtà ed aree geografiche diverse ma che insieme, fondendo in un unico progetto le loro peculiarità e conoscenze, hanno dato vita a Novac Supercap, progetto che a breve diventerà startup. Dalle aule d’Ingegneria del Veicolo, Electronics Engineering e Ingegneria dei Materiali questo nuovo team vuole imporsi sul mercato mondiale dei supercondensatori strutturali allo stato solido. Si tratta di una nuova generazione di sistemi di accumulo di energia elettrica. L’idea è basata su materiali innovativi – da loro stessi ideati – completamente modellabili su superfici e volumi personalizzati. Innovazione tecnologica che guarda al futuro dell’auto elettrica e di tutte le applicazioni che necessitano di picchi di potenza. E’ di questi giorni la notizia che Tesla (Elon Musk) – una delle maggiori società al mondo nella costruzione di auto elettriche – ha acquisito la società Maxwell Technologies dichiarando che i supercondensatori sono la tecnologia del futuro soprattutto per le ricariche rapide. Innovazione che va incontro all’ambiente. Segmento nella nuova ingegneria che il team Italiano vuole scalare portando un prodotto con caratteristiche ben diverse ed innovative da quelle già presenti sul mercato. Startup che non è passa inosservata ma che trova nel GAMIC, Global Automotive & Mobility Innovation Challenge, competizione internazionale per prodotti o servizi automobilistici, un primo palcoscenico dove mettersi in mostra allargando il proprio network di contatti e chissà trovare nuovi investitori. Manifestazione che si terrà il prossimo 9 aprile – la finale – a Detroit . Il team italiano concorre insieme ad altre 21 società provenienti dal resto del mondo. A rendere la notizia ancora più importante per la Calabria e per la nostra Valle del Savuto è che uno dei cinque giovani imprenditori, Aldo Girimonte è nativo di Marzi, piccolo borgo a sud di Cosenza. Non ci resta che incrociare le dita e strizzare l’occhio per un futuro d’innovazione che sappia sempre più guardare all’ambiente e al benessere del cittadino in benefici e costi di gestione. Traguardi che portano la firma dell’Italia e perché no, della nostra regione. Che Aldo – insieme ai suoi colleghi – siano d’esempio e di sprono ai tanti giovani per guardare oltre, perché anche nel deserto, usando l’ingegno si può far nascere un fiore.

Massimiliano Crimi

Data: 20 febbraio 2019.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com