Santo Stefano di Rogliano. Una strada intitolata alla memoria di Falcone e Borsellino

“Non una semplice intitolazione ma un messaggio alla Comunità santostefanese ed al territorio del Savuto”. Lo ha detto il sindaco Lucia Nicoletti nel corso della tavola rotonda “Vite per lo Stato” al termine della quale l’Amministrazione comunale ha portato a termine il percorso istituzionale (avviato con delibera dell’Esecutivo guidato da Antonio Orrico) di intestazione di una strada alla memoria dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Un evento importante organizzato alla presenza di autorità civili, religiose e militari, quindi, di docenti ed alunni delle scuole di ogni ordine e grado. Un avvenimento che ha segnato la partecipazione del Questore di Cosenza, Giovanna Petrocca, del Comandante della Compagnia Carabinieri di Rogliano, capitano Mattia Bologna, del Comandante della Stazione Carabinieri di Rogliano, luogotenente Adriano Lorelli. Un evento a cui sono intervenuti il presidente del Centro Studi e Ricerche Stefanos, Renzo Perri, il sindaco di Fragneto Monforte, Raffaele Caputo, la dirigente dell’Istituto Scolastico Comprensivo Mangone-Grimaldi, Mariella Chiappetta, il segretario generale del Siulp di Cosenza, Luciano Lupo, il fratello dell’agente Antonio vittima a Capaci, Brizio Montinaro. “Ringrazio chi ha partecipato alla manifestazione, in particolare i giovani. Questo – ha ricordato il sindaco Nicoletti – è il viale della gioventù. La strada Falcone-Borsellino conduce al palazzetto dello sport, al campetto di calcio e al resto dell’area che vogliamo completare con altre strutture dedicate alla pratica sportiva ed al tempo libero”. “Per Santo Stefano e i suoi abitanti – ha concluso il primo cittadino – la legalità è un valore imprescindibile”. La manifestazione è stata allietata dalla esibizione canora del mezzosoprano Melinda Bernaudo accompagnata dal maestro Luigi Vizza.

Gaspare Stumpo

Data: 23 marzo 2019.

Fonte: ‘Parola di Vita’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com