Piano Lago, un convegno sulla castanicoltura. Iniziativa di Coldiretti Calabria

UN CONVEGNO sulla castanicoltura in Calabria con focus teorico e pratico riservato agli operatori di settore. Lo ha organizzato Coldiretti in collaborazione con Donne Impresa e con il supporto di esperti Arsac. L’iniziativa, che è svolta presso la sala conferenze dell’ex Comunità Montana del Savuto (Piano Lago), oggi sede di Calabria Verde, è stata occasione di confronto e proposta sullo stato dell’arte in un comparto importante messo in ginocchio, negli ultimi anni, da problematiche legate in particolar modo alla diffusione ad agli effetti del Cinipide Galligeno nelle aree vocate di alta collina e bassa montagna. Coldiretti vuole contribuire a rilanciare la produzione castanicola sostenendo i propri associati, perfezionando mezzi e strategie negli ultimi tempi foriere di buoni risultati. “Vogliano valorizzare la produzione e rimotivare i castanicoltori nel curare e far crescere il comparto all’insegna della qualità”. Al seminario hanno partecipato (e sono intervenuti) il coordinatore regionale di Campagna Amica, Mario Ambrogio, la responsabile di Donne Impresa Maria Antonietta Mascaro, il direttore di Coldiretti Calabria, Francesco Cosentini, la funzionaria del Crea, Tatiana Castellotti, gli esperti dell’Arsac Vincenzina Scalzo e Fabio Petrillo, il formatore lavori in quota Giuseppe Sicilia. La seconda parte della manifestazione è stata riservata alle attività dimostrative sui principi fisiologici della potatura e sulla lavorazione in sicurezza sulle piante ad alto fusto. Coldiretti, che ha promosso una raccolta firme (#stopciboanonimo) per chiedere all’Europa l’obbligatorietà delle origini degli alimenti a tutela della salute, ha ribadito l’importanza dei castagneti sul territorio calabrese, presenti in circa 102 mila ettari suddivisi in 49 mila ettari di fustaie e 53 mila ettari di cedui puri.

Gaspare Stumpo

Data: 31 marzo 2019.

Fonte: ‘Parola di Vita’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com